Accedi a LexEureka
IL FOGLIO DI RICERCA-AMMINISTRATIVA.IT
Archivio
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
luglio 2011
giugno 2011
marzo 2011

Registrati ora per ricevere la newsletter de Il Foglio di Ricerca-Amministrativa.it

Materie

LEXEUREKA
Prova il motore di ricerca
di Ricerca-Amministrativa.it!
Lexeureka è il più completo e veloce motore di ricerca per la giustizia amministrativa oggi presente sul mercato.


PROVA LA RICERCA AVANZATA!
Fino al 1 Giugno 2013 la ricerca avanzata è disponibile anche per gli abbonamenti gratuiti. Registrati ora e prova tutta la potenza di LexEureka.
Scarica le app mobile
Presto disponibili, per tutti gli abbonati, anche le applicazioni per Android e iPhone/iPad.

Tutta la potenza di LexEureka in formato tascabile.

Tutti i provvedimenti massimati

Sull'illegittimità del diniego di liquidazione dell'indennizzo alla vittima del dovere, opposto sul presupposto di legami con appartenenti alla criminalità organizzata.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 1 dicembre 2017, n. 05641
Sui presupposti dell'accertamento di conformità ai sensi dell'art. 36 del D.P.R. n. 380/2001, soggetto alla verifica della cd. doppia conformità delle opere oggetto di sanatoria.
T.A.R. Sardegna, Sez. 2, Sentenza 1 dicembre 2017, n. 00746
Sull' esclusione di un ampia discrezionalità da parte del CNF, ai fini del riconoscimento della specializzazione in capo all'avvocato.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 28 novembre 2017, n. 05575
L'inammissibilità dell'azione generale di accertamento e quella per il silenzio nell'ipotesi in cui diretta ad incentivare l'esercizio di poteri regolamentari.
T.A.R. Molise, Sez. 1, Sentenza 27 novembre 2017, n. 00473
Sull' individuazione del giudice competente a decidere sulla domanda di ottemperanza
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 24 novembre 2017, n. 05489
Sull'esclusione della procedura di correzione ex art. 86 C.P.A., nell'ipotesi di errore materiale commesso dal difensore.
Cons. St., Sez. 6, Decreto DECRETO COLLEGIALE 21 novembre 2017, decreto n. 05404
Sull'illegittima esclusione del concorrente che non abbia indicato nell'offerta gli oneri di sicurezza.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 2, Sentenza Breve 14 novembre 2017, n. 01161
Sull'illegittimità del rilascio all'autorizzazione per la realizzazione di strutture socio-assistenziali per il ricovero e la cura di disabili intellettivi.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 13 novembre 2017, n. 05227
Sul riconoscimento del rimborso delle spese legali sostenute dal pubblico dipendente, per avvenuto pagamento delle somme per le quali è previsto il rimborso.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 10 novembre 2017, n. 01369
Sulla decorrenza del dies a quo al fine di impugnare con ricorso incidentale l'ammissione di altro concorrente nella procedura ad evidenza pubblica.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 10 novembre 2017, n. 05182
Sull' annullamento d’ufficio di erogazione di somme di denaro da parte dell'AGEA, in mancanza di presupposti
T.A.R. Molise, Sez. 1, Sentenza 8 novembre 2017, n. 00404
Sulla possibilità di impugnazione immediata della clausola del bando che prevede l'aggiudicazione con il criterio del prezzo più basso, si richiede l'intervento dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato
Cons. St., Sez. 3, Ordinanza ORDINANZA COLLEGIALE 7 novembre 2017, ord. n. 05138
Sull' illegittimità del diniego di rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato, opposto allo straniero, per omessa valutazione della sussistenza di motivi familiari.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 31 ottobre 2017, n. 05040
Sull'inammissibilità dell'impugnazione immediata della clausola del bando di gara che prevede come criterio di aggiudicazione quello del massimo ribasso.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 3, Sentenza Breve 30 ottobre 2017, n. 01109
Sulla possibilità di ricorrere all'avvalimento da parte del progettista indicato ex art. 53, d.lgs. 163/2006.
Cons. St., Sez. 5, Ordinanza ORDINANZA COLLEGIALE 30 ottobre 2017, ord. n. 04982
Sulla stima del volume dei ricavi che il servizio può produrre nella concessione di servizi, al fine di orientare gli operatori economici circa la dimensione economica del servizio da affidare.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 1, Sentenza 25 ottobre 2017, n. 01600
Sulla motivazione dell'annullamento d'ufficio della concessione edilizia in sanatoria, disposto decorsi anni dal suo rilascio.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/SENTENZA 18 ottobre 2017, n. 00008
Sulla notifica del ricorso per via telematica ad una P.A. su un indirizzo di posta elettronica certificata non inserito nel registro del Ministero della Giustizia.
T.A.R. Sicilia Catania, Sez. 3, Sentenza 13 ottobre 2017, n. 02401
Sulla non convertibilità del permesso di soggiorno per motivi di giustizia.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 12 ottobre 2017, n. 04738
Sulla insussistenza dell'obbligo da parte della Corte dei Conti di riaprire i termini per consentire la partecipazione a chi abbia maturato medio tempore i requisiti già richiesti dal bando di concorso oggetto di modifica.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 12 ottobre 2017, n. 04731
Sui limiti prescritti dal D.lgs. n. 97/2016 in materia di accesso generalizzato.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 11 ottobre 2017, n. 01951
Sulla competenza da parte dell'INPS in sede di controlli e verifiche sugli invalidi, al fine di accertare la sussistenza dei requisiti sanitari per il riconoscimento delle pensioni di invalidità civile.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza Breve 4 ottobre 2017, n. 04628
 
Sull'assoggettabilità alla disciplina dei contratti pubblici, per gli affidamenti di servizi a titolo gratuito che configurano un contratto a titolo oneroso.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 3 ottobre 2017, n. 04614
Sulla non applicabilità dell'istituto dell'accesso di cui agli artt. 22 e ss. della L. n. 241/90,in caso di difetto di interesse qualificato da parte dell'istante.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1Q, Sentenza 2 ottobre 2017, n. 10017
Sulle prescrizioni stabilite per la circolazione delle trattrici agricole omologate come eccezionali, ossia come eccedenti i limiti stabiliti nel comma 7 dell’art. 104 Cod. della Strada.
T.A.R. Marche, Sez. 1, Sentenza 2 ottobre 2017, n. 00751
Sull'esclusione di una impresa dalla procedura di evidenza pubblica per aver sottaciuto condotte anteriori all'esecuzione del rapporto contrattuale, rivelatrici della scarsità professionale della stessa.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza 27 settembre 2017, n. 04532
Sull'annullamento delle misure punitive in assenza del verbale di constatazione, nell'ipotesi di vendita e di somministrazione di bevande alcoliche da parte dei gestori degli esercizi pubblici, oltre l'orario limite consentito dalla legge.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1T, Sentenza 25 settembre 2017, n. 09891
Sulla legittimità della revoca della licenza del servizio pubblico taxi disposta dal Comune, basata sull'interdittiva antimafia del Prefetto.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 25 settembre 2017, n. 04451
Sulla validità del voto numerico espresso dalla commissione esaminatrice demandata alla correzione degli elaborati degli aspiranti avvocati.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/SENTENZA 20 settembre 2017, n. 00007
Sui criteri di calcolo da applicarsi in ordine alle offerte da accantonare nel c.d. taglio delle ali.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/SENTENZA 19 settembre 2017, n. 00005
Sulla possibilità di notificare il ricorso a mezzo PEC in assenza di autorizzazione presidenziale, anche prima dell'entrata in vigore del d. P.C.M 16 febbraio 2016 n. 40, istitutivo del processo telematico.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/SENTENZA 19 settembre 2017, n. 00006
Sulla giurisdizione del giudice amministrativo nelle controversie relative alla minor debenza dei corrispettivi invocati dal concessionario a seguito di autotutela della P.A. sugli atti prodromici alla stipula del contratto di concessione.
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza 18 settembre 2017, n. 00586
 
Sulla possibilità per le associazioni di promozione sociale di localizzare le proprie sedi in tutte le parti del territorio urbano, a prescindere dalla destinazione d'uso.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza 13 settembre 2017, n. 01447
Sulla regolarizzazione degli atti processuali in formato cartaceo e privi di firma digitale nel processo amministrativo telematico.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 11 settembre 2017, n. 04286
Sulla competenza giurisdizionale del giudice amministrativo per gli atti di revoca e nomina dei membri della compagine societaria.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 7 settembre 2017, n. 04248
Sull'applicabilità del principio di rotazione negli appalti pubblici di importo inferiore alla soglia comunitaria e sulla scelta della stazione appaltante di non invitare il gestore uscente o in alternativa di motivare le ragioni dell'indispensabilità dell'invito.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 31 agosto 2017, n. 04125
 
Sulla esclusione della richiesta risarcitoria da c.d. perdita da chance avanzata da una pallavolista, sospesa per la durata di sei mesi da ogni attività, per aver proferito frasi ingiuriose contro il proprio tecnico federale.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 22 giugno 2017, n. 03065
Sulle limitazioni del diritto di accesso ai documenti da parte dei dipendenti della società Poste Italiane S.p.A..
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 16 giugno 2017, n. 01078
Sui termini per il deposito delle memorie nell'ambito del c.d. "rito superaccelerato appalti", nonché per la proposizione del ricorso incidentale avverso l'ammissione in gara del concorrente.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 1, Sentenza 13 giugno 2017, n. 03226
Sull'utilizzo del criterio del prezzo più basso in sede di aggiudicazione.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 12 giugno 2017, n. 02844
Sulla competenza ad emanare ordinanze urgenti e contingibili, aventi ad oggetto la risoluzione per inadempimento del contratto di appalto relativo al servizio di igiene urbana.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 2, Sentenza 12 giugno 2017, n. 03141
Sulla decorrenza del termine di 90 giorni utile, per la notifica del verbale di accertamento del superamento del limite di velocità, rilevato tramite autovelox.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 7 giugno 2017, n. 01267
Sulla possibilità di creare un ufficio unitario di avvocatura, da implementare con personale distaccato dagli enti partecipanti.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 7 giugno 2017, n. 02731
Sulla possibilità di esperire la facoltà di accesso ai documenti amministrativi e ai verbali di gara, già nella fase iniziale di selezione dei concorrenti.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Ordinanza ORDINANZA COLLEGIALE 26 maggio 2017, ord. n. 00512
Sull'esclusione dei cittadini non italiani dalla partecipazione a concorsi pubblici, ai fini della selezione alla qualifica dirigenziale presso i Musei.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2Q, Sentenza 24 maggio 2017, n. 06171
Sull' illegittima esclusione di una lista elettorale, nell'ipotesi di discordanza fra i dati anagrafici dei sottoscrittori riportati nel modulo di presentazione della lista e quelli risultanti dai certificati elettorali.
T.A.R. Marche, Sez. 1, Sentenza 19 maggio 2017, n. 00376
Sulla natura confermativa dell'atto amministrativo, a fronte di un' istanza di riesame.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 6, Sentenza 18 maggio 2017, n. 02672
Sui requisiti necessari richiesti all'offerente, al fine di ricorrere all'istituto dell'avvalimento.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 16 maggio 2017, n. 02316
Sui presupposti richiesti ai fini della proponibilità dell'azione risarcitoria e relative conseguenze applicative del termine di prescrizione.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 16 maggio 2017, n. 02323
Sulla legittimità del provvedimento di revisione della patente di guida, nell'ipotesi di dubbi insorti, a seguito di sinistro, sulla permanenza dei requisiti tecnici necessari per la conduzione di un veicolo.
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza 12 maggio 2017, n. 00681
Sulle conseguenze derivanti, sul piano risarcitorio, dall'impossibilità sopravvenuta di esecuzione in forma specifica del giudicato amministrativo.
Cons. St., Sez. P, Sentenza 12 maggio 2017, n. 00002
Sull'applicazione della dimidiazione del termine ai fini impugnatori, a tutti gli atti relativi alle procedure di affidamento dei contratti pubblici.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 9 maggio 2017, n. 02119
Sulle osservazioni formulate dai proprietari di un fondo interessato da nuova destinazione in seguito ad intervenuta variante del piano regolatore generale.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 8 maggio 2017, n. 02089
Sul mancato obbligo di provvedere da parte della P.A., in ordine ad un' istanza di diffida promossa da un singolo socio di un Automobile Club locale.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 8 maggio 2017, n. 02099
Sull'insindacabilità della proposta formulata dal Gruppo di lavoro operativo handicap in merito alle ore di sostegno assegnate a ciascun alunno disabile.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 3 maggio 2017, n. 02023
Sulle cause di incompatibilità tra esaminatore e concorrente
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza 3 maggio 2017, n. 00281
Sul requisito di certezza del termine richiesto ai fini dell' irrogazione della sanzione amministrativa.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 28 aprile 2017, n. 01968
Sull'impossibilità di formulare l'offerta per omessa indicazione del valore stimato dell'affidamento.
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza 24 aprile 2017, n. 00593
Sull'illegittimità dell'adozione da parte del sindaco di un 'ordinanza contingibile ed urgente per occupazione del suolo di un residente.
T.A.R. Piemonte, Sez. 2, Sentenza 21 aprile 2017, n. 00535
Sul compenso professionale indicato nell'offerta avanzata dal legale per l'aggiudicazione della rappresentanza di un ente comunale.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza 19 aprile 2017, n. 00902
Sui presupposti applicativi del c.d. rito "superaccelerato" in materia di appalti pubblici.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 3, Sentenza Breve 14 aprile 2017, n. 00394
Sull'inconfigurabilità del vizio di disparità di trattamento in presenza di provvedimenti amministrativi vincolati.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 aprile 2017, n. 01688
Sulla natura del provvedimento di proscioglimento emesso nei confronti del militare in ferma breve.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 aprile 2017, n. 01689
Sull'informativa antimafia nell'ipotesi di assenza di un rapporto contrattuale con la P.A..
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 7 aprile 2017, n. 01638
Sull'esclusione dell'identità di oggetto tra la pronuncia ottemperanda e quella emessa in sede di ottemperanza.
Cons. St., Sez. P, Sentenza 6 aprile 2017, n. 00001
Sul rimborso delle spese legali nei giudizi promossi nei confronti dei pubblici dipendenti.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 5 aprile 2017, n. 01568
Sulla mancata sottoscrizione digitale del ricorso in sede di processo amministrativo telematico.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza Breve 4 aprile 2017, n. 01541
Sulla natura dell'atto amministrativo implicito
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 31 marzo 2017, n. 01499
Sul presupposto del mutamento di destinazione d'uso di un immobile.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 31 marzo 2017, n. 01494
Sulla competenza della Commissione medico legale, in sede di formulazione della diagnosi cui è affetto il pubblico dipendente.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 29 marzo 2017, n. 01435
Sulla legittimità della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza Breve 29 marzo 2017, n. 01430
Sulle controversie di risarcimento danni da c.d. occupazione usurpativa.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 28 marzo 2017, n. 01425
Sul potere di annullamento in autotutela spettante all'Amministrazione procedente, anche dopo l'aggiudicazione della gara e la stipula del contratto.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 22 marzo 2017, n. 01310
Le controversie inerenti il recupero del finanziamento di pubblica provenienza, sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario.
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza Breve 20 marzo 2017, n. 00230
I vincoli imposti alle aree di un privato destinate a parcheggio pubblico non hanno natura espropriativa ma conformativa e, quindi, non sono soggetti al regime indennizzario.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 17 marzo 2017, n. 01196
Sulla tempestività della notifica dei ricorsi in riassunzione del giudizio a seguito di declaratoria di inammissibilità per carenza giurisdizione.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 14 gennaio 2015, n. 00068
Il rifacimento della copertura di un fabbricato con aumento di altezza nel colmo di 50 cm non costituisce intervento soggetto al rispetto delle distanze dal confine.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 13 gennaio 2015, n. 00030
Sugli effetti della ratifica del provvedimento amministrativo.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 13 gennaio 2015, n. 00025
Escussione. Cauzione provvisoria. Imprese non aggiudicatarie. Carenza requisiti generali dichiarati. Clausola contenuta nel bando. Legittimità. Art. 48, comma 1, D.Lgs. 163/2006. Funzione della cauzione. Natura giuridica della cauzione.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/SENTENZA 19 dicembre 2014, n. 00034
Concorsi pubblici. Principio dell’anonimato. Segno di riconoscimento. Idoneità. Intenzionalità.
T.A.R. Umbria, Sez. 1, Sentenza 3 dicembre 2014, n. 00585
1. Atto amministrativo. Autotutela decisoria. Ritiro giustificato per ragioni di opportunità. Natura. È un atto di revoca. Qualificazione. Spetta al G.A. 2. (segue): diverso apprezzamento dell'interesse pubblico originario. Sufficienza. 3. (segue): comunicazione di avvio del procedimento. Omissione. Irrilevanza. 4. (segue): indennizzo. Omessa previsione. Non rileva. 5. (segue): bandi di gara. Non sono provvedimenti amministrativi ad efficacia durevole. Loro revoca. Indennizzo. Non spetta. 6. (segue): pregiudizi patiti da concorrente a gara legittimamente revocata. Responsabilità precontrattuale della P.A. Danno ingiusto. Configurabilità
T.A.R. Abruzzo L'Aquila, Sez. 1, Sentenza 24 novembre 2014, n. 00834
1. Gare pubbliche di appalto. Confronto concorrenziale tra operatori economici. Università degli studi. Annoverabilità. 2. (segue): partecipazione dell'Università a R.t.i., di cui faccia parte società di capitali. Ammissibilità
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 21 novembre 2014, n. 05767
Gare pubbliche. Dichiarazioni ex art. 38 cod. contratti. Risoluzione in danno. Obbligatorietà. Omissione. Esclusione dell'operatore economico. Necessità
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 21 novembre 2014, n. 05763
Concessione demaniale. Canone. Quantificazione. Criteri di determinazione. Natura provvedimentale dell'atto gravato. Giurisdizione.
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sez. 1, Sentenza 21 novembre 2014, n. 00563
1. Oneri per la sicurezza. Omessa indicazione. Immediata efficacia lesiva. Appalti di servizi di natura intellettuale. Giudizio di anomalia. Esclusione. 2. Petitum. Rinnovo operazioni di gara. Subentro. Interesse a ricorrere. Carenza.
T.A.R. Liguria, Sez. 2, Sentenza 21 novembre 2014, n. 01690
Condizioni di operatività dell'esonero dal contributo per le opere da realizzare in zona agricola in funzione della conduzione del fondo e delle esigenze dell'imprenditore agricolo ex art. 9 co. 1 lett. a) legge n. 10/1977
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 21 novembre 2014, n. 01826
Annullamento, da parte della Soprintendenza, dell'autorizzazione paesaggistica rilasciata dal Comune senza adeguata motivazione.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 21 novembre 2014, n. 01819
Competenza all'adozione dell'ordinanza di rimozione rifiuti ex art. 192, comma 3 del Codice dell’Ambiente.
T.A.R. Liguria, Sez. 2, Sentenza 21 novembre 2014, n. 01698
Concessioni demaniali marittime. Inadempienze del concessionario. Decadenza ex abrupto. Illegittimità. Principio di gradualità e proporzionalità dell'azione amministrativa. Osservanza. Necessità
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza 20 novembre 2014, n. 02856
Servizi di vigilanza. Appalti pubblici. Tabelle prefettizie di determinazione delle tariffe. Inderogabilità. Non sussiste
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 19 novembre 2014, n. 05683
1. Beni pubblici. Affidamento a privati. Qualificazione del rapporto. Nomen iuris individuato dalle parti contraenti. Irrilevanza. 2. (segue): attività di camping su area di proprietà comunale. Concessione di servizio pubblico locale. Insussistenza. 3. Diniego di proroga di concessione di bene pubblico. Gara pubblica. Necessità. Giurisdizione. Appartiene al Giudice Amministrativo. 4. Beni appartenenti al patrimonio pubblico disponibile di Comuni. Ordine di rilascio. Controversie. Giurisdizione. Appartiene all'A.G.O.
T.A.R. Umbria, Sez. 1, Sentenza 19 novembre 2014, n. 00549
La penalità di mora di cui all’art. 114, 4° comma lett. e) del c.p.a.
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza 19 novembre 2014, n. 01816
Presidenza della Repubblica. Autodichia. Pubblico impiego. Sussiste. Gare pubbliche di appalto. Non sussiste
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 18 novembre 2014, n. 05657
1. Legittimazione a ricorrere in materia di urbanistica e edilizia. Criterio della c.d. vicinitas. Sufficienza. 2. Sospensione del processo amministrativo ex comb. disp. art. 79 c.p.a. e art. 295 c.p.c. Presupposti. 3. Principio della domanda. Corrispondenza tra chiesto e pronunciato. Potere del G.A. di individuare i motivi di ricorso. Compatibilità. 4. Onere della prova nel processo amministrativo. Principio “dispositivo con metodo acquisitivo”. Presupposti. 5. Ristrutturazione edilizia. Nozione. Ristrutturazione edilizia pesante. Riforma di cui all'art. 30, comma 1°, lettera a) D.L. n. 69/2013 conv. in legge n. 98/2013. Ristrutturazione di edifici ruinati. Presupposti
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 18 novembre 2014, n. 05662
1. Espropriazione per pubblica utilità. Controversie aventi per oggetto gli atti, i provvedimenti, gli accordi e i comportamenti, riconducibili, anche mediatamente, all'esercizio di un pubblico potere della P.A. Giurisdizione. Appartiene al G.A. Questioni pregiudiziali attinenti a diritti. Potere del G.A. di pronunciarsi incidenter tantum. Sussiste. 2. (segue): natura della pretesa del proprietario illegittimamente spogliato di un'area per fini pubblicistici. Unicità e complessità della pretesa. Acquisto per usucapione ventennale dell'area appresa dalla P.A. Ammissibilità. 3. (segue): interversione del possesso. Decorrenza. A partire dalla scadenza del termine di occupazione legittima. 4. (segue): eccezione di usucapione. Questione incidentale ex art. 8 c.p.a. esaminabile dal G.A. 5. (segue): omessa pronuncia del G.A. sull'eccezione di usucapione. Errore di procedura. Rinvio al primo giudice. Necessità
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 18 novembre 2014, n. 05665
1. Criteri di riparto di giurisdizione tra A.G.O. e G.A. Petitum sostanziale. Rilevanza. 2. Concessioni demaniali marittime. Controversie concernenti canoni. Carattere meramente patrimoniale. Criteri di riparto di giurisdizione. Test di vincolatività. 3. Atti di determinazione del canone demaniale marittimo. Contestazione delle operazioni aritmetiche svolte dall'Autorità demaniale. Domanda di restituzione dell'indebito. Giurisdizione dell'A.G.O. 4. Difetto di attribuzione. Nullità dell'atto. Giurisdizione. A.G.O. 5. Riforma dei canoni demaniali marittimi (legge finanziaria 2007). Contestazione circa l'applicazione retroattiva. Giurisdizione. A.G.O. 6. Determinazioni regionali di adeguamento del canone. Giurisdizione A.G.O. 7. Imposta regionale sulle concessioni statali del demanio marittimo. Contestazione del quantum. Giurisdizione dell'A.G.O.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3T, Sentenza 17 novembre 2014, n. 11458
Ricorso avverso il silenzio. Pronuncia sulla fondatezza della pretesa. Art. 31, comma 3, c.p.a.. Principio della domanda. Risarcimento del danno da ritardo. Art. 30, comma 4, c.p.a.. Art. 117, comma 6, c.p.a.. Rito. Facoltativo. Nesso di causalità tra inosservanza del termine di conclusione del procedimento e danno subito. Imputabilità soggettiva dell’inosservanza del termine.
T.A.R. Sicilia Catania, Sez. 4, Sentenza 14 novembre 2014, n. 02969
1. Appalti pubblici. Requisiti di carattere generale. Certificazione di qualità. Produzione a pena di esclusione. Equivalenza. 2. (segue): associazione temporanea di impresa. Requisiti di capacità economico-finanziaria. Corrispondenza tra quote di qualificazione e quote di esecuzione. Necessità. Non sussiste. 3. (segue): moralità professionale. Soggetto tenuto alla dichiarazione. Procura limitata a determinati contratti non oggetto della gara. Obbligo. Non sussiste. Dichiarazione del responsabile tecnico. Mancata previsione della lex specialis. Necessità. Non sussiste. Omessa dichiarazione. Sussistenza dei requisiti. Esclusione. Inammissibilità. 4. (segue): apertura dei plichi contenenti le offerte tecniche. Procedure concluse o pendenti alla data di entrata in vigore del d.l. 7 maggio 2012, n. 52. Seduta pubblica. Obbligatorietà. Non sussiste.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 14 novembre 2014, n. 05608
1. Rilascio del porto d'armi. Giudizio di affidabilità da parte dell'amministrazione. Pregiudizi penali. Riabilitazione. Irrilevanza. 2. Diniego del porto d'armi. Ricorso giurisdizionale. Sindacato del giudice. Limiti.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 14 novembre 2014, n. 05595
Onere dichiarativo ex art. 38 D.Lgs. 163/2006. Sussistente in capo agli institori. Nozione di institore. Sussistenza della preposizione institoria. Difetto probatorio. Delegati ai sensi dell’art. 2 Legge n. 287/1991. Preposti ai sensi dell’art. 71 D.Lgs. 59/2010.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1, Sentenza 13 novembre 2014, n. 11403
Concessione in sanatoria. Vincolo di inedificabilità. Sussistenza. Epoca della valutazione della domanda di condono.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 12 novembre 2014, n. 05549
Realizzazione opera pubblica. Sconfinamento. Occupazione usurpativa sine titulo. Risarcimento del danno. Giurisdizione ordinaria.
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 12 novembre 2014, n. 00778
Subappalto necessario. Dichiarazione ex art. 118, comma 2°, cod. contratti. Necessità. Omissione. Soccorso istruttorio. Illegittimità
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza Breve 12 novembre 2014, n. 00783
1. Appalti di servizi. Raggruppamento temporaneo di imprese. Riparto qualitativo dei servizi. Presupposti. Indicazione dei servizi secondari. Occorre. In difetto: riparto esclusivamente quantitativo. 2. Requisiti di ordine generale. Dichiarazioni. Omissione parziale. Conformità con moduli predisposti da Stazione appaltante. Soccorso istruttorio. Necessità.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 2, Sentenza 12 novembre 2014, n. 02743
Principio del "tempus regit actum". Legittimità degli atti amministrativi. Disciplina del procedimento amministrativo. Fase procedimentale. Jus superveniens. Appalti. Requisiti di partecipazione. Moralità professionale. Obbligo dichiarativo delle condanne riportate.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 novembre 2014, n. 05524
Procedure concorsuali. Autotutela. Revoca. Omissione della comunicazione al personale in mobilità. Art. 34 bis del D.Lgs. n. 165/2001.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 3, Sentenza 11 novembre 2014, n. 05789
Cauzione provvisoria. Finalità. Esclusione di concorrente per difetto dei requisiti generali di ammissione. Incameramento. Legittimità
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 novembre 2014, n. 05516
Fonti legislative. Declaratoria di incostituzionalità. Effetti sugli atti amministrativi privati del fondamento normativo. Nullità. Non sussiste. Annullabilità in sede giurisdizionale o in via di autotutela
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 novembre 2014, n. 05526
1. Gare pubbliche. Appalti di servizi. Requisiti speciali di partecipazione. Dimostrazione di aver svolto servizi analoghi. Nozione. 2. (segue): dimostrazione del possesso di requisito speciale (aver svolto servizi analoghi). Schede contabili. Sufficienza. 3. Offerte anomale. Valutazione della Stazione Appaltante. Discrezionalità. Sindacato giurisdizionale. Limiti.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 novembre 2014, n. 05530
Ordinanza di rimozione di rifiuti. Violazione divieto di deposito o abbandono rifiuti nocivi commessa dal locatario. Art. 192, comma 3, D.Lgs. n. 152/2006. Responsabilità solidale del proprietario del sito. Imputabilità soggettiva.
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza 11 novembre 2014, n. 00928
1. Ricorso giurisdizionale. Sospensione feriale dei termini. Domanda cautelare. Formulazione successivamente a tale periodo. Ricevibilità. 2. Gare pubbliche. Valutazione di anomalia delle offerte. Istituzione di commissione tecnica. Competenza. Non appartiene in via esclusiva al RUP. 3. Offerte anomale. Valutazione. È riservata alla stazione appaltante. Sindacato in sede giurisdizionale. Limiti. 4. (segue): giudizi di verifica di congruità delle offerte. Natura globale e sintetica. Necessità. 5. (segue): tabelle ministeriali sul costo del lavoro. Mancato rispetto. Non costituisce circostanza decisiva.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 2, Sentenza 11 novembre 2014, n. 01849
Gare suddivise in lotti indipendenti. Ricorso cumulativo. Eterogeneità dei motivi. Inammissibilità
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3Q, Sentenza 11 novembre 2014, n. 11327
Carenza di motivazione in caso di mancata indicazione della fonte normativa della asserita perentorietà di un termine concesso dalla P.A.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 11 novembre 2014, n. 01764
Abusi edilizi. Ingiunzione a demolire. Inottemperanza. Acquisizione area di sedime. Competenza. Spetta a responsabile di settore dell'AC. Conservazione dell'opera abusiva. Valutazione del Consiglio Comunale. È soltanto eventuale
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 3, Sentenza 10 novembre 2014, n. 05783
1. Domanda di accesso agli atti. Requisiti. Determinatezza. Specificità. Motivazione. 2. Diritto di accesso. Presupposti. Titolarità. Interesse giuridicamente rilevante. Tutela. Rapporto di strumentalità tra l’interesse e la documentazione richiesta.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 10 novembre 2014, n. 01871
1. Condominio. Delibera inerente l'accertamento di una posizione giuridica. Intervento in giudizio. Atto esecutivo della delibera. Legitimatio ad processum dell'amministratore. Sussiste. 2. Lottizzazione. Convenzioni edilizie. Inadempimento di obblighi convenzionali. Finalità di pubblico interesse. Giurisdizione del G.A. Sussiste.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 7 novembre 2014, n. 05487
1. Dichiarazione di difetto di giurisdizione. Effetto devolutivo dell'appello. Garanzia del doppio grado di giudizio. Questioni di merito non esaminate dal giudice di primo grado. Esame in sede di appello. Inammissibilità. 2. Riparto giurisdizionale. Domande soggette a giurisdizioni diverse. Connessione. Non deroga. 3. (segue): espropriazione e assegnazione aree P.E.E.P. Determinazione del corrispettivo per il trasferimento del diritto di proprietà a seguito di convenzione. Difetto di discrezionalità amministrativa. Giurisdizione del G.A. Non sussiste. 4. (segue): la deduzione di vizi formali dell'atto privo di discrezionalità amministrativa inerente diritti soggettivi non determina uno spostamento della posizione giuridica vantata. Disapplicazione degli atti amministrativi da parte dell'A.G.O. Difetto di tutela. Non sussiste.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 7 novembre 2014, n. 05499
1. Actio ad exhibendum. Presupposti. Interesse. Autonomia del diritto all'accesso rispetto all'impugnazione dell'atto lesivo. Diritto all'ostensione di atti inoppugnabili. Sussiste. 2. (segue): accesso c.d. defensionale. Bilanciamento tra diritto di difesa e privacy. Deroga al regime di tutela dei dati personali. Contemperamento in sede di giudizio. Specialità e preminenza delle norme che regolano il processo. Sussiste.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 2, Sentenza 7 novembre 2014, n. 01756
Opere pubbliche. Progetto definitivo. Approvazione. Dichiarazione di pubblica utilità implicita. Progetto esecutivo. Approvazione. Lesività ex se dell'espropriando. Non sussiste
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 7 novembre 2014, n. 05496
1. Abusi edilizi. Ingiunzione a demolire. Inottemperanza. Attività conseguente. È doverosa. Omissione. Ricorso avverso il silenzio da parte di proprietario di fondo confinante con quello inciso da abusi. Legittimazione. Sussiste. 2. (segue): domanda di sanatoria. Presentazione. Obbligo di interlocuzione a carico della PA nei confronti del proprietario del fondo confinante con quello inciso da abusi. Sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza Breve 7 novembre 2014, n. 05755
1. Concessioni demaniali marittime. Legge Baldini sul rinnovo ex lege. Ambito applicativo. Soltanto le concessioni rilasciate successivamente alla sua entrata in vigore. 2. Direttiva servizi. Incompatibilità della legge Baldini. Disapplicazione. Occorre.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 2, Sentenza 7 novembre 2014, n. 01772
1. Concessioni demaniali marittime. Legge Baldini sul rinnovo ex lege. Ambito applicativo. Soltanto le concessioni rilasciate successivamente alla sua entrata in vigore. 2. Direttiva servizi. Incompatibilità della legge Baldini. Disapplicazione. Occorre.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 5, Sentenza 12 novembre 2014, n. 05808
1. Governo del territorio. Strumento urbanistico generale. Strumenti attuativi. Interventi edilizi diretti. Preclusione. 2. (segue): lotto intercluso. Ammissibilità di interventi edilizi diretti. Limiti.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 7 novembre 2014, n. 05488
Regione Puglia. Autorizzazione paesistica. Opere incidenti sul demanio marittimo di carattere stagionale. Obbligo di rimozione al termine della stagione estiva. Parere soprintendentizio. Necessità. Diniego. Motivazione. Occorre.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza 7 novembre 2014, n. 02694
Strada privata. Adibizione al pubblico transito. Indici probatori
T.A.R. Sicilia Catania, Sez. 3, Sentenza 6 novembre 2014, n. 02912
Acque pubbliche. Provvedimenti amministrativi. Contestazione in sede giurisdizionale. Riparto di giurisdizione tra G.A. e T.S.A.P. Rileva la materia e non la posizione giuridica sostanziale. Rilascio di concessioni demaniali. Contestazioni. Giurisdizione. è devoluta al T.S.A.P.
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 1, Sentenza 5 novembre 2014, n. 01160
1. Cambio di destinazione d'uso. Concessione edilizia. Art. 41-sexies Legge Urbanistica. Nuova costruzione. Nozione. 2. (segue): natura. Trasferimento del vincolo d'uso delle aree destinate a parcheggio. Concessione in variante. Necessità. Parcheggi pertinenziali non computabili a standard.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 4 novembre 2014, n. 05444
Appalti pubblici. Documentazione comprovante la capacità economico-finanziaria. Estratto conto bancario. Non idoneo. Successiva produzione dell'attestazione dell'istituto di credito. Soccorso istruttorio. Inammissibilità.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2B, Sentenza Breve 3 novembre 2014, n. 10998
Porto d'armi. Natura e finalità. Presupposti per il diniego. Valutazione dell'autorità pubblica in ordine al requisito dell'affidabilità. Discrezionalità ampia. Arresti domiciliari. Motivazione. Sufficiente.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 31 ottobre 2014, n. 05398
Dichiarazione ex art. 38 d.lgs. n. 163/2006 circa precedenti risoluzioni contrattuali. Ratio. Omissione. Non menzione nel casellario informatico ex art. 7, c. 10, cod. contratti. Non rileva. Accertamento delle circostanze in sede giurisdizionale. Non necessita. Soccorso istruttorio. Inammissibile. Conferma dell'aggiudicazione. Illegittima.
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sez. 1, Sentenza Breve 31 ottobre 2014, n. 01041
1. Giudicato amministrativo. Riedizione del potere amministrativo. Rito applicabile. Qualificazione delle domande. Compete al giudice adito. 2. (segue): Differenze tra violazione del giudicato ed elusione. 3. Decisione del G.A. che annulli l'aggiudicazione di gara pubblica, disponendo che la stessa debba avvenire a favore del ricorrente. Aggiudicazione provvisoria. Necessità. Verifica dei requisiti in capo all'aggiudicataria. Occorre. Mancanza. Revoca dell'aggiudicazione. Legittimità. Elusione del giudicato. Non sussiste.
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sez. 1, Sentenza 31 ottobre 2014, n. 01045
1. Gare di appalto. Dichiarazione sostitutiva ai sensi del d.P.R. 445/2000. Allegazione di documento di identità scaduto. Mera irregolarità. Soccorso istruttorio ex art. 71, comma 3, d.P.R. n. 445/2000. Necessità. Istanza di ammissione. Clausola che prevede l'obbligo di sottoscrizione di ogni pagina. Illegittimità. 2. (segue): procedura del 2014. Apertura dei plichi delle offerte tecniche. Illegittima.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza Breve 31 ottobre 2014, n. 01360
Conferimento di incarico professionale. Non organicità del professionista. Parasubordinazione. Controversia in ordine al compenso. Giurisdiziona del A.G.O.. Sussiste.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 1, Sentenza 31 ottobre 2014, n. 02636
Protezione di bene archeologico. Occupazione temporanea di beni privati. Reiterazione con conseguente trasformazione dei beni. Carattere espropriativo dell'occupazione. Eterogenesi dei fini. Diritto all'indennizzo. Sussiste
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 5, Sentenza 30 ottobre 2014, n. 05584
1. Finanza di progetto. Rimborso delle spese sostenute dal soggetto promotore ex art. 155 D.Lgs. n. 163/2006. Giurisdizione del G.A. Sussiste. Inerzia della P.A. Ricorso avverso il silenzio. Ammissibilità. 2. Procedimento amministrativo. Conclusione. Termine. Necessità. Finanza di progetto. Obbligo di concludere il procedimento. Sussiste.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 30 ottobre 2014, n. 01720
1. Strade pubbliche e private. Uso pubblico di passaggio. Connotati. 2. Declassificazione di strada pubblica. Condizioni. Avvio del procedimento ad istanza di parte. Istruttoria. Indagine sull’oggettiva destinazione della strada privata al pubblico transito e il tangibile beneficio che la comunità attualmente. Necessità.
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sez. 1, Sentenza 30 ottobre 2014, n. 01022
Risarcimento del danno da ritardo provvedimentale. Presupposti oggettivi e soggettivi. Natura. Responsabilità aquiliana. Onere della prova a carico del danneggiato.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 30 ottobre 2014, n. 01697
1. c.d. Legge Severino. Ratio. Preservazione della P.A. dalla presenza di soggetti moralmente indegni. Reato. Presunzione assoluta di inidoneità. Bilanciamento tra imparzialità della P.A. e diritto costituzionalmente garantito dell'eletto. Non sussiste. Applicazione della sanzione. Automatica. Remissione degli effetti a seguito di riabilitazione in sede penale. Natura sanzionatoria. Sussiste. 2. (segue): sospensione dalla carica conseguente a fatto storico anteriore alla elezione. Anteriorità del provvedimento giudiziario che ha dato rilevanza al fatto storico. Retroattività della norma. Sussiste. Applicazione retroattiva di norma sanzionatoria anche di natura non penale. Incompatibilità con l'art. 25 Cost. Sussiste. Riserva di legge per la predeterminazione dei requisiti di accesso alle cariche elettive ex art. 51 Cost. sottostà al principio di non retroattività della legge. 3. (segue): mancato bilanciamento tra salvaguardia della moralità della P.A. e pieno esercizio del diritto di elettorato passivo. QLC non manifestamente infondata.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 1, Ordinanza Sospensiva 30 ottobre 2014, ord. n. 01801
Ricorso straordinario. Regola dell'alternatività con quello in sede giurisdizionale. Impugnazione di atti conseguenti. Osservanza. Necessità a pena di inammissibilità del gravame
Cons. St., Sez. 1, Parere Definitivo 29 ottobre 2014, parere n. 03336
Concessioni demaniali marittime. Controversie in tema di canoni demaniali. Criteri di riparto della giurisdizione
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 1, Sentenza Breve 29 ottobre 2014, n. 01270
Accesso. Atti soggetti ad un ampio regime di pubblicità. Controllo generalizzato. Ammissibilità. Organi collegiali. Richiesta di accesso da parte di un componente. Diniego. Illegittimità.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 3, Sentenza 29 ottobre 2014, n. 01269
Interventi edilizi. Incremento di superficie, mutamento di sagoma o di destinazione d'uso. Riconducibilità nel novero della ristrutturazione edilizia. Necessità.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1Q, Sentenza 27 ottobre 2014, n. 10732
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Sopravvenuta inefficacia dell'atto impugnato nelle more del giudizio. Interesse al ricorso. Permane in correlazione all'interesse astratto ad attivare in separata sede la tutela risarcitoria. 2. Diritto di accesso in funzione difensiva. Diniego. Illegittimità del provvedimento conclusivo. Presupposti. 3. Contraddittorio in sede giurisdizionale. Facoltà delle amministrazioni resistenti di produrre documenti nuovi rispetto a quelli acquisiti nel corso dell'istruttoria procedimentale. Sussiste.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3T, Sentenza 28 ottobre 2014, n. 10797
1. Ricorso giurisdizionale. Provvedimenti dell'A.G.C.M.. Sindacato giurisdizionale. Limiti. 2. Autorità Garante della Concorrenza e dei Mercati. Strumenti sanzionatori e di controllo. Individuazione del c.d. mercato rilevante. Efficacia probatoria dei c.d. programmi di clemenza.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 24 ottobre 2014, n. 05278
Edilizia. Attività contraria a leggi e regolamenti. Conformità al titolo abilitativo (SCIA). Repressione dell'abuso edilizio. Annullamento in via di autotutela della SCIA. Occorre.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 2, Sentenza 24 ottobre 2014, n. 02557
Pubblico impiego. Rapporto di lavoro costituito in via di fatto. Fonte del credito retributivo ex art. 2126 c.c.. Prescrizione. Quinquennale.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 23 ottobre 2014, n. 05247
Sul riparto di giurisdizione in materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 23 ottobre 2014, n. 05257
Ricorso giurisdizionale. Legittimazione a ricorrere. Pretese emulative o interessi a contenuto impossibile o illegittimi. Non sussiste.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 23 ottobre 2014, n. 05269
Edilizia scolastica prefabbricata. Revisione dei prezzi. Esclusione. Annullamento in via di autotutela degli atti concessivi di compensi per revisione dei prezzi. Motivazione. Non occorre. Interesse pubblico in re ipsa.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 23 ottobre 2014, n. 05267
1. Avviso di avvio del procedimento. Anticipazione della motivazione finale. Non occorre. Congruità e non identità tra atto preannunciato e quello finale. Sufficienza. 2. Aggiudicazione provvisoria. Atto endoprocedimentale. Affidamento. Non sussiste. Sua revoca. Non è esercizio del potere di autotutela. Discrezionalità. 3. Aggiudicazione definitiva. Revoca. Ammissibilità. Sopravvenuti motivi di pubblico interesse. Sufficienza.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza Breve 23 ottobre 2014, n. 05266
1. Pianificazione urbanistica. Osservazioni presentate dai privati. Obbligo di motivazione della P.A. Limiti. 2. Contenuto dello strumento urbanistico. Discrezionalità della P.A. Sindacato di legittimità. Limiti.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 3, Sentenza 22 ottobre 2014, n. 02599
Gara di appalto. Contratto definitivo. Accesso da parte della concorrente non aggiudicataria.. Consentito. Ratio.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 1, Sentenza Breve 22 ottobre 2014, n. 02531
1. Infermità dipendente da cause di servizio. Discrezionalità tecnica del giudizio medico legale. Sindacato G.A. Limiti. 2. Rapporti tra Amministrazione e Comitato di Verifica. Carattere vincolante del parere. Condizioni. 3. Procedimento di riconoscimento dell’infermità per cause di servizio. Richiesta di riesame. Memorie ex art. 10 bis l. n. 241/1990. 4. Fattori che influiscono sulla causazione/concausazione dell’infermità. Onere probatorio. 5. Diniego del riconoscimento dell’infermità dipendente da cause di servizio. Eccesso di potere. Condizioni.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2T, Sentenza 22 ottobre 2014, n. 10638
Ricorso giurisdizionale. Annullamento del provvedimento viziato per carenza di motivazione. potere di riedizione del provvedimento annullato. Limiti.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 21 ottobre 2014, n. 05176
1. Infermità o lesioni dipendenti da causa di servizio. Procedimento di concessione dell'equo indennizzo. Termine conclusivo. Natura. 2. (segue): motivazione del provvedimento di diniego della P.A. Limiti.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 21 ottobre 2014, n. 05179
1. Diniego della licenza di porto d'armi. Oggettivo abuso delle armi. Non necessario. Ampia discrezionalità della Pubblica Amministrazione. Limiti. 2. Diniego licenza di porto d’armi. Domanda risarcitoria. Principio dell’onere della prova.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 02498
1. Autotutela. Revoca atti di gara. Obbligo di comunicazione di avvio del procedimento all'aggiudicatario in via definitiva. 2. Interesse attuale all'impugnazione degli atti di gara. Clausole escludenti. 3. Principio di tassatività delle clausole escludenti. Principio del favor partecipationis e principio di ragionevolezza delle procedure di gara.
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 00821
Organizzazione dei servizi farmaceutici. Riparto di competenza tra Comune e Regione. Autonomia dei relativi procedimenti. Istituzione di nuove sedi. Connessione ai poteri di pianificazione urbanistica. Competenza comunale. Termine per l'esercizio del potere sostituivo delle Regioni a fronte dell'inerzia dei Comuni. È ordinatorio.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 02504
Pubblico impiego. Indennità di rischio da radiazioni ionizzanti per i tecnici di radiologia medica ex art. 54 d.P.R. 384/1990. Individuazione dei soggetti esposti al rischio. Valutazione del rischio. Modalità. Analisi a campione. Possibilità.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 05155
Incompletezza dell'offerta tecnica. Soccorso istruttorio volto a integrare documentazione mancante. Violazione par condicio. Sussiste.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza Breve 17 ottobre 2014, n. 01315
Porto d'armi. Rinnovo della licenza. Condanna penale già sussistente al tempo del precedente rinnovo. Diniego. Illegittimo.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 02503
1. Rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno. Situazione dello straniero alla conclusione del procedimento. Direttiva rimpatri n. 2008/115/CE. Tempus regit actum. Rapporto irretrattabilmente definito. 2. (segue): rilascio di nulla-osta al lavoro subordinato a favore di cittadino straniero destinatario di provvedimento espulsivo. Re-ingresso in Italia. Diniego di permesso di soggiorno. Lungo lasso temporale. Tutela dell'affidamento. Necessità.
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 2, Sentenza 17 ottobre 2014, n. 01084
1. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Successiva presentazione di accertamento di conformità. Efficacia della sanzione ripristinatoria. Persiste. 2. Permesso di costruire. Varianti in corso d'opera. Denuncia Inizio Attività. Ammessa solo per varianti leggere. Varianti che modificano la destinazione d’uso dell’immobile. Inammissibilità. Modificazione della sagoma dell'edificio preesistente. È ristrutturazione edilizia.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 2, Sentenza 16 ottobre 2014, n. 05381
1. Diritto di accesso. Presupposti. Titolarità di un interesse diretto, concreto e attuale. Strumentalità a forme di tutela giudiziale e stragiudiziale. Sufficienza. Valutazione in astratto. Occorre. Esigenze di riservatezza del terzo. Loro soccombenza. 2. (segue): autore di esposto che abbia dato luogo a procedimento disciplinare. Legittimazione a richiedere l'accesso. Sussiste.
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza Breve 16 ottobre 2014, n. 01569
Ricorso in sede giurisdizionale avverso gli atti della procedura di gara disposti da Centrale di Committenza. Notifica del ricorso. Omessa notifica alla Centrale di committenza. Inammissibilità.
T.A.R. Abruzzo L'Aquila, Sez. 1, Sentenza Breve 16 ottobre 2014, n. 00721
1. Piani paesistici o urbanistico territoriali. Finalità. Individuazione degli interventi incompatibili. 2. (segue): inedificabilità assoluta. Condono. Rigetto. Necessità. Motivazione. Non occorre. È attività vincolata. 3. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Omesso avvertimento che, in caso di inottemperanza, il bene abusivo verrà acquisito al patrimonio comunale. Irrilevanza. Mera irregolarità. 4. (segue): omessa individuazione delle aree pertinenziali assoggettabili a confisca. Irrilevanza. 5. Pertinenza edilizia. Nozione.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 16 ottobre 2014, n. 01597
Cauzione definitiva. Impegno del garante a rilasciarla. Omissione. Esclusione dalla gara del concorrente. Necessità. Soccorso istruttorio. Non esperibilità
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza Breve 15 ottobre 2014, n. 01547
Patrimonio immobiliare pubblico. Cartolarizzazione. Dismissione. Conduttori. Diritto di opzione. Determinazione del prezzo di alienazione. Caratteristiche di pregio. Necessità di opere di manutenzione ordinaria o straordinaria (interventi di riparazione rinnovamento o sostituzione di finiture esterne). Non rilevano al fine di escludere il pregio dell'immobile.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 15 ottobre 2014, n. 01541
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Legittimazione a ricorrere. Legittimazione dei Consiglieri comunali ad impugnare atti dell’organo di cui fanno parte. Limiti. Esercizio del mandato connesso alla carica elettiva. Vulnerazione del c.d. jus ad officium. 2. (segue): delibera riguardante la surroga di un consigliere comunale dimissionario. Legittimazione dei consiglieri comunali ad impugnare. Non sussiste. Interesse di mero fatto. 3. Surrogazione di consigliere dimissionario. Atto di natura vincolata non annullabile ex art. 21-octies, comma 2, l. n. 241/1990. Termine dei dieci giorni per la surrogazione del consigliere dimissionario. Ordinatorio. Atto non facoltativo. 4. Comunicazione dei componenti di una Giunta comunale. Mera informativa compiuta dal Sindaco. Non impugnabile da parte dei consiglieri comunali.
T.A.R. Sardegna, Sez. 2, Sentenza 15 ottobre 2014, n. 00815
Revoca e disdetta. Differenze
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 14 ottobre 2014, n. 05103
Sanatoria straordinaria ex art. 32 D.L. n. 269/2003 conv. in legge n. 326/2003. Procedimenti sanzionatori. Sospensione ex lege. Adozione di provvedimenti repressivi in pendenza del procedimento di condono. Illegittimità.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2T, Sentenza 13 ottobre 2014, n. 10272
1. Concessioni demaniali marittime. Proroga sino al 2020. Ambito applicativo. Concessione rilasciate anteriormente al 31 dicembre 2009. 2. Istanza per rilascio di concessioni demaniali marittime. Pubblicità. Albo pretorio. Sufficienza. 3. Concorrenza di istanze di rilascio di concessioni demaniali marittime. Procedura comparativa. Necessità. Requisiti. Dimostrazione. Autodichiarazione. Sufficienza. Verifica dei requisiti anteriormente all'affidamento. Non occorre.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza Breve 13 ottobre 2014, n. 02472
1. Concessioni demaniali marittime. Canoni. Criteri di determinazione ex Legge finanziaria 2007. Applicabilità alle concessioni rilasciate anteriormente al 2007. Occorre. 2. (segue): opere costruite dal concessionario. Loro irrilevanza in sede di determinazione del canone. Sinallagma convenzionale. Va rispettato. 3. (segue): c.d. canone O.M.I. Ambito applicativo. Esclusivamente pertinenze demaniali. Beni costruiti dai concessionari. Non costituiscono pertinenze demaniali. Applicabilità della Finanziaria per l'anno 2007 solo per concessioni comprensive di impianti e pertinenze rilasciate successivamente alla sua entrata in vigore.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza Breve 13 ottobre 2014, n. 02479
Strumenti urbanistici attuativi. Omessa approvazione. Interventi assentibili. Lotto intercluso. Dotazione di opere di urbanizzazione. Loro presenza. Rilascio del p.d.c. Ammissibilità.
T.A.R. Sardegna, Sez. 2, Sentenza 13 ottobre 2014, n. 00796
Concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative. Imposta regionale. Criteri di commisurazione. Alta valenza turistica e normale valenza turistica. Regione Campania. Subclassificazione della normale valenza turistica. Ordinaria valenza turistica e limitata valenza turistica. Questione di costituzionalità. Manifesta infondatezza.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 ottobre 2014, n. 05266
1. Agenzia delle Entrate. Enti pubblici. Autonomia giuridica. Capacità di stare in giudizio. Ricorso giurisdizionale avverso loro atti. Notifica. Direttamente all'Agenzia. Ritualità. 2. Diritto di accesso. Dichiarazione dei redditi di terze persone. Motivazione. Esigenze di tutela giudiziaria. Indagine sulla loro rilevanza ai fini difensivi. Occorre.
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sez. 1, Sentenza Breve 10 ottobre 2014, n. 00370
1. Discrezionalità tecnica. Sindacato in sede giurisdizionale. Limiti. Valutazioni tecnico-scientifiche. Pluralità di soluzioni. Loro plausibilità. Compatibilità della decisione della P.A. Loro insindacabilità. 2. Infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione. Assimilazione ex lege alle opere di urbanizzazione. Non comporta ex se loro realizzabilità in zona sottoposta a vincolo. 3. (segue): scavo del sottosuolo. Valutazione dell'intervento ai fini di tutela del paesaggio. Occorre.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 ottobre 2014, n. 05262
Dirigenza sanitaria. Funzioni delegate di "datore di lavoro". Attribuzione mediante atti di servizio di Aziende sanitarie locali. Controversie. Giurisdizione. È devoluta all'A.G.O. Ricorso straordinario. Inammissibilità
Cons. St., Sez. 2, Parere Definitivo 9 ottobre 2014, parere n. 03072
Titolo edilizio. Interventi edilizi eseguiti in difformità. Repressione dell'abuso. Zona regionale protetta o paesaggisticamente vincolata. Distinzione tra interventi eseguiti in difformità totale o parziale ovvero in variazione essenziale. Irrilevanza
Cons. St., Sez. 2, Parere Definitivo 9 ottobre 2014, parere n. 03074
Ricorso giurisdizionale. Rilascio del permesso di soggiorno. Condanna rientrante nelle previsioni di cui all'art. 9, comma 3 d.lgs. n. 286/1998. Prossimità dell'evento impeditivo all'istanza di rilascio del permesso. Diniego. Sinteticità della motivazione. Non rileva. 2. (segue): allegazione di fatti successivi all'adozione del provvedimento e successivi alla proposizione del ricorso. Non valutabili in sede di giudizio.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 8 ottobre 2014, n. 05013
1. Abusi edilizi. Sanzioni. Partecipazione al procedimento del privato. Non occorre. È attività vincolata e doverosa. 2. Aree sottoposte a vincolo paesaggistico. Condono ex art. 32, commi 26 e 27, D.L. n. 269/2003 conv. in legge n. 326/2003. Presupposti.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 3, Sentenza 8 ottobre 2014, n. 05216
1. Commesse pubbliche. Attività amministrativa illegittima. Risarcimento del danno. Presupposti. Loro ricorrenza. Onere della prova. È a carico della parte danneggiata. 2. (segue): elemento soggettivo della P.A. Verifica della ricorrenza. Non occorre. Responsabilità della P.A. di natura oggettiva. Estensione della regola a tutto il campo degli appalti pubblici. Occorre. 3. Affidamento di incarico di direzione lavori per esecuzione di opera pubblica. Revoca. Annullamento in sede giurisdizionale. Risarcimento. Spetta. 4. (segue): la lesione ingiusta di una situazione soggettiva meritevole di tutela da parte dell'ordinamento. 5. (segue): nesso causale e quantificazione del danno emergente. 6. (segue): rimborso delle spese di gara. 7. (segue): danno curriculare. Onere della prova. Presunzione. Liquidazione in via equitativa. 8. (segue): detrazione del c.d. aliunde perceptum su quanto dovuto a titolo di lucro cessante. 9. (segue): rivalutazione.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 1, Sentenza 7 ottobre 2014, n. 01162
1. Valutazione del servizio reso da militare. Discrezionalità Pubblica Amministrazione. Sindacato del G.A.. Limiti. Controllo «debole». 2. Forze armate. Rapporti informativi. Valutazione del servizio reso da militare. Rilevanza di pregresse schede valutative. Non sussiste. Loro autonomia.
T.A.R. Abruzzo L'Aquila, Sez. 1, Sentenza 7 ottobre 2014, n. 00687
Ricorso giurisdizionale. Acquisizione delle prove. Giurisdizione di legittimità. Applicazione temperata del principio acquisitivo. Giurisdizione esclusiva. Applicazione piena del principio dispositivo.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza 7 ottobre 2014, n. 01273
1. Oneri di urbanizzazione. Presupposti per la loro debbenza. Mutamento di destinazione d'uso. Passaggio ad una diversa categoria funzionale autonoma. Aumento del carico urbanistico. 2. (segue): determinazione degli oneri concessori. Mero calcolo materiale. Motivazione. Non occorre.
T.A.R. Marche, Sez. 1, Sentenza 6 ottobre 2014, n. 00816
1. Diritto di accesso. Cartelle esattoriali. Procedimento tributario già concluso. Sussiste. 2. (segue): ostensione degli atti propedeutici a procedure di riscossione. Interesse del contribuente. Obblighi per la società concessionaria. Tutela dei diritti del contribuente. Richiesta di accesso. Strumentalità. 3. (segue): Actio ad exhibendum. Documento esibito al privato. Conformità della copia all’originale. Necessità. Cartella di pagamento. Ostensione dell'estratto di cartella. È un documento succedaneo e diverso rispetto alla cartella di pagamento.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 2, Sentenza 6 ottobre 2014, n. 01607
1. Dichiarazione pubblica utilità. Carattere perentorio del termine di efficacia. Proroga. Motivazione. Necessità. Ritardi imputabili ad altre Amministrazioni nella definizione di sub-procedimenti. Irrilevanza. È variabile imputabile alla pubblica amministrazione, unitamente considerata. 2. (segue): motivazione postuma resa in sede giurisdizionale. Irrilevanza. Applicazione dell'art. 21-octies legge n. 241/1990. Esclusione. La dichiarazione di pubblica utilità è atto discrezionale
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 6 ottobre 2014, n. 04990
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Condizioni dell'azione. Interesse a ricorrere. Requisiti. 2. (segue): ricorsi in materia di conferimento di incarichi direttivi o semidirettivi a magistrati ordinari. Collocamento a riposo nelle more del processo. Improcedibilità del ricorso. Non sussiste. 3. Giudicato demolitorio. Remand. Principio di continuità dell'azione amministrativa. Rieffusione del potere amministrativo. Ineludibilità. Principio di effettività della tutela giurisdizionale. Punto di equilibrio. Obbligo della P.A. di riesaminare l'affare nella sua interezza a seguito di una prima pronuncia demolitoria. 4. (segue): teoria c.d. del "one shot". Ordinamento italiano. Applicazione temperata. 5. (segue): conferimento di incarichi direttivi o semidirettivi a magistrati ordinari. Teoria del c.d. "one shot" temperata. Applicabilità. 6. Annullamento in sede giurisdizionale di deliberazione del C.S.M. Rieffusione del potere. Motivazione "fotografia" di quella censurata dal G.A. Nullità dell'atto. 7. Incarichi direttivi o semidirettivi. Procedure comparative. Ius superveniens. Inapplicabilità
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 6 ottobre 2014, n. 04987
1. Questione di legittimità costituzionale relativa a disposizione successivamente novellata. Valutazione della rilevanza. Distinzione tra abrogazione e incostituzionalità. Diversità degli effetti. Atto amministrativo assunto sulla base della normativa abrogata. Principio tempus regit actum. Rilevanza della questione. 2. (segue): disciplina transitoria in tema di titolo abilitante l'esercizio della professione di restauratore. Manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale. 3. (segue): possesso di SOA OS2. Non costituisce di per sé titolo abilitante all'esercizio della professione di restauratore. Verifica dei presupposti relativi a capacità professionale. Rilevanza costituzionale degli interessi protetti (beni culturali) incisi dall'attività di restauratore. Loro prevalenza rispetto all'aspirazione degli operatori di accedere a opportunità professionali. 4. (segue): ragionevolezza della disciplina transitoria. 5. Disciplina sull'accesso alla professione di restauratore. Contrasto con principi comunitari in tema di concorrenza. Non sussiste. Situazione puramente interna. Previsione di un esame di idoneità. Compatibilità con i principi comunitari.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04946
Condono edilizio. Pendenza del procedimento. Misura repressiva dell'abuso. Illegittimità
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04963
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Tempestività. Onere della prova. Ricade sulla parte che eccepisce la tardività. Realizzazione di canna fumaria a servizio di ristorante. Certificato di collaudo e scontrini fiscali. Irrilevanza. 2. D.I.A. edilizia. Ricorso in sede giurisdizionale avverso provvedimento tacito abilitativo dell'intervento. Ammissibilità e procedibilità se ricorso ante A.P. n. 15/2011. 3. (segue): novella dell'art. 19 legge n. 241/1990 ad opera dell'art. 6 del d.l. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni nella legge 14 settembre 2011, n. 148. Irrilevanza per i giudizi pendenti alla data di entrata in vigore
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04962
Strada vicinale comunale. Usurpazione. Polizia demaniale. Legittimità. Lungo lasso di tempo. Irrilevanza
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04941
1. Appalti di forniture. Riunione temporanea d’impresa. Avvalimento. Ammissibilità. 2. Certificazione di qualità. Avvalimento. È consentito. 3. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Componenti Consiglio di Amministrazione. Acquisizione ex officio di dichiarazioni di tutti i componenti. Legittimità.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04958
1. Ricorso giurisdizionale. Abusi edilizi. Vincolo paesistico. Preesistenza delle opere presunte abusive. Onere della prova. È a carico del privato. Atto notorio. Irrilevanza. Verbale di sopralluogo formato da funzionari pubblici. È atto pubblico. Piena prova fino a querela di falso. 2. (segue): atto vincolato. Motivazione in ordine all'interesse pubblico. Non necessita.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 3 ottobre 2014, n. 04957
Nozione di inizio dei lavori rilevante ai fini di evitare la decadenza del permesso di costruire
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza Breve 3 ottobre 2014, n. 01515
1. Ricorso giurisdizionale. Interesse al ricorso. Ricorso in tema di commisurazione dell'oblazione promosso da Condominio per opere abusive realizzate da condomino su beni di proprietà esclusiva. Difetto di interesse. 2. (segue): art. 35 comma 20 L. 47/1985. Tipologia di abuso. Non rileva. Verifica della compatibilità dell'immobile per cui si chiede la sanatoria con la normativa antincendio. Abitazioni. Non occorre. Carenza di istruttoria. Non sussiste. 3. Vincolo paesaggistico. Condono di opere interne. Irrilevanza.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 2 ottobre 2014, n. 04900
1. Dichiarazione sulla c.d. moralità professionale. Completezza delle dichiarazioni. Necessità. Indicazione della sanzione espulsiva nella lex specialis. Non occorre. Eterointegrazione della lex specialis con la norma di legge. Falso innocuo. Limiti. Soccorso istruttorio. Non consentito. 2. Modalità di valutazione delle offerte. Anomalie dell’offerta. Valutazione complessiva. Appalti di servizi esclusi dall’applicazione delle disposizioni del codice dei contratti pubblici. Procedura di verifica dell’anomalia. Non obbligatoria.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 2 ottobre 2014, n. 04932
1. Ricorso principale e ricorso incidentale. Ordine di trattazione. Violazione. Error in procedendo. Non sussiste. 2. (segue): ipotesi in cui è prioritaria la trattazione del ricorso incidentale. 3. (segue): esame congiunto di ricorso principale e ricorso incidentale. Simmetria escludente dei vizi denunciati. Necessità. 4. (segue): applicabilità dell'overruling ai giudizi pendenti alla data di pubblicazione della decisione dell'Ad. Plen. n. 9/2014. 5. Ricorso principale avverso aggiudicazione provvisoria. Ricorso incidentale. Termine per ricorrere. Decorre dalla data di impugnazione in s.g. dell'aggiudicazione definitiva. 6. Gare per l'affidamento di concessione di lavori pubblici. A.T.I. Obbligo di corrispondenza tra quote di partecipazione e quote di esecuzione dei lavori. Esclusione. Mandanti. Possesso dei requisiti minimi di qualificazione. Esclusione. 7. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Soggetti tenuti a renderle. I procuratori ad negotia. Solo se espressamente previsto dalla lex specialis di gara. In caso contrario: soccorso istruttorio. 8. Gare pubbliche per affidamento di incarichi di progettazione. Partecipazione di giovani professionisti. Dies ad quem per computare il termine di iscrizione all'albo inferiore di cinque anni di iscrizione all'albo. Rileva la data di pubblicazione del bando. 9. Avvalimento. Limiti soggettivi. Obblighi dichiarativi nei casi di avvalimento infragruppo
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 2 ottobre 2014, n. 04929
Distanze tra costruzioni. Nuova costruzione. Ricorso in sede giurisdizionale. Termine a ricorrere. Decorre dalla conoscenza del mero inizio dell'attività costruttiva. Principio di certezza delle situazioni giuridiche
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 2 ottobre 2014, n. 04901
Permesso di costruire. Installazione di canna fumaria a servizio di attività di ristorazione. Occorre
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2Q, Sentenza 2 ottobre 2014, n. 10134
1. Enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza. Attività istituzionale. Rilievo pubblicistico. Personalità giuridica. Di diritto privato.2. Patrimonio di enti previdenziali. Dismissione. Rientra nella sfera di capacità di diritto privato degli enti.3. (segue): Applicabilità dell'art. 1, comma 38, legge n. 243/2004. Esclusione. Controversie. Giurisdizione dell'A.G.O.4. (segue): beni di enti previdenziali. Conferimento in fondi d'investimento. Autonomia patrimoniale dei fondi. Alienazione dei cespiti. Controversie. Giurisdizione dell'A.G.O.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 1 ottobre 2014, n. 04882
1. Ordinanza di demolizione. Sanzione di natura oggettiva. Atto vincolato. Valutazione dell'interesse pubblico. Non occorre. Affidamento del privato per il mero decorrere del tempo. Non rileva. 2. (segue): ordinanza di demolizione conseguente al diniego di sanatoria. Avviso di avvio del procedimento ex art. 7 della legge n. 241 del 1990. Non occorre.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 1 ottobre 2014, n. 04878
1. Regione Toscana. Accertamento di conformità. Sanzione pecuniaria per gli interventi edilizi abusivi penalmente rilevanti. Criterio di commisurazione. Contributo di costruzione. Soltanto quando dovuto. Diversamente è di € 516,00. 2. Contributo di costruzione. Esenzione in base all'art. 124 L.R. Toscana n. 1/2005. Condizione oggettiva. Opere pubbliche o di interesse pubblico. Interventi riguardanti il polo espositivo di Firenze (Fortezza da Basso). Sono di interesse pubblico. Condizione soggettiva. Soggetto attuatore competente. Firenze Fiera S.p.a. è un soggetto qualificato. Convenzione con il Comune. Non occorre
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 1 ottobre 2014, n. 04880
1. Principio di tassatività delle cause di esclusione. Clausola della lex specialis che imponga l'allegazione all'offerta del capitolato speciale di appalto sottoscritto in ogni sua pagina. Nullità. 2. Cauzione provvisoria. Onere di allegare copia conforme del certificato del sistema di qualità. Non sussiste. Omessa allegazione. Soccorso istruttorio. Necessità
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza Breve 1 ottobre 2014, n. 02411
1. Gara pubblica di appalto. Revoca anteriormente all'aggiudicazione definitiva. Affidamento dei partecipanti. Non sussiste. 2. Revoca legittima di procedura di gara. Responsabilità precontrattuale della stazione appaltante. Configurabilità solo se revoca intervenuta in momento successivo all'aggiudicazione della gara.
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 30 settembre 2014, n. 00707
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Controinteressati. Criteri di individuazione. Edilizia. Proprietari confinanti al fondo interessato da intervento edilizio. Qualità di controinteressati. Non sussiste. 2. Permesso di costruire. Ricorso in sede giurisdizionale. Dies a quo. 3. Commissione Edilizia. Organo consultivo non obbligatorio. Composizione. Professionisti e/o esperti del settore. 4. Ristrutturazione edilizia. Mediante demolizione e ricostruzione. Limiti. Derogabilità da parte di strumenti urbanistici attuativi. Possibilità
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 30 settembre 2014, n. 00701
1. ATI. Offerta. Garanzia fideiussoria. Riconducibilità a tutti i componenti dell'ATI. Criteri ermeneutici. 2. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Direttore tecnico cessato dalla carica. Dichiarazione resa dall'attuale direttore tecnico anche con riguardo al precedente. Sufficienza. Soccorso istruttorio. Necessità. 3. Lex specialis di gara. Ricorso in sede giurisdizionale. Interesse al ricorso. Salvo clausole impeditive la partecipazione, sorge con l'aggiudicazione. 4. Divieto di subappalto di opere specialistiche di valore superiore al 15% dell'intero importo dell'appalto. Ambito applicativo. Beni ricadenti in zona paesaggisticamente vincolata. Irrilevanza
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza 30 settembre 2014, n. 05122
1. Pertinenza edilizia. Nozione. Distinzione dal concetto di pertinenza ex art. 817 c.c.. Dimensioni rilevanti. Permesso di costruire. Occorre. 2. Abusi edilizi. Affidamento del privato per il mero decorrere del tempo. Sussiste. Potere repressivo della P.A. Motivazione circa lo specifico interesse alla demolizione diverso dalla mera repressione dell'abuso. Necessità.
T.A.R. Lazio Latina, Sez. 1, Sentenza 30 settembre 2014, n. 00759
1. Abusi edilizi. Sanzioni. Notifica del provvedimento. Non rileva ai fini della legittimità. 2. Ingiunzione a demolire manufatto abusivo. Motivazione. Non occorre. 3. Acquisizione dell'area di sedime incisa da manufatto abusivo. Consegue ope legis all'inottemperanza dell'ordine ripristinatorio. Acquisizione di aree ulteriori. Motivazione specifica. Occorre
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza 30 settembre 2014, n. 05125
1. Governo del territorio. Pianificazione territoriale. Discrezionalità. Sindacato in sede giurisdizionale. Limiti. 2. (segue): scelte urbanistiche. Onere di specifica motivazione. Non sussiste in genere. Eccezioni specifiche in caso di situazioni di particolare affidamento del soggetto interessato dall'atto di pianificazione. 3. (segue): sovradimensionamento delle aree a standard. Onere motivazionale specifico. Sussiste. 4. Sindacato in sede giurisdizionale dell'atto di pianificazione per disparità di trattamento. Presupposti. 5. Legge urbanistica nazionale. Sistema di pianificazione incentrato sulla zonizzazione. Superamento. Dottrina degli usi compatibili. Regione Lombardia. Il piano delle regole
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 2, Sentenza 30 settembre 2014, n. 02403
Edifici diruti. Nozione. Interventi di ripristino. Restauro e risanamento conservativo. Incompatibilità. Ristrutturazione. Presupposti
T.A.R. Lazio Latina, Sez. 1, Sentenza 30 settembre 2014, n. 00762
1. Contributo di costruzione. Determinazione dell'obbligazione contributiva. Attività di carattere non autoritativo. Controversie. Giurisdizione esclusiva del G.A. Termine decadenziale. Non si applica. Termine prescrizionale decennale. Va osservato. 2. Contributo di costruzione. Finalità. Natura paratributaria. Criterio interpretativo della disciplina normativa e regolamentare. È il criterio interpretativo delle norme c.d. “a fattispecie esclusiva”, proprio delle disposizioni tributarie
T.A.R. Liguria, Sez. 1, Sentenza 30 settembre 2014, n. 01401
1. Ricorso giurisdizionale avvero aggiudicazione provvisoria. Aggiudicazione definitiva. Impugnazione. Necessità. Omissione. Improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse. 2. Alienazione di beni pubblici comunali. Asta pubblica. Soccorso istruttorio. Fonte. È l'art. 6 legge n. 241/1990. Facoltà del conduttore di esercitare la prelazione del bene messo all'asta. Omesso esercizio. Soccorso istruttorio. Illegittimità. 3. Responsabilità civile della Pubblica Amministrazione. Presupposti.
T.A.R. Trentino Trento, Sez. 1, Sentenza 29 settembre 2014, n. 00333
1. Giudizio di ottemperanza. Astreinte. Natura. Sanzione. Condotte rilevanti. 2. (segue): Presupposti. Inadempimento dell'Amministrazione. Requisito soggettivo ex art. 3 l. 689/1981. Individuazione del termine di decorrenza della sanzione. Termine dilatorio ex art. 14 d.l. n. 669/1996. Richiesta di parte. Occorre. 3. (seugue): individuazione del termine finale. Carenza del potere di dare esecuzione alla sentenza. Insediamento del Commissario ad acta. Onere probatorio a carico dell'Amministrazione. 4. (segue): quantificazione della penalità di mora. Criteri.
T.A.R. Trentino Trento, Sez. 1, Sentenza 29 settembre 2014, n. 00331
1. Concessioni amministrative. Controversie concernenti indennità, canoni o altri corrispettivi. Giurisdizione dell'AGO. Controversie concernenti verifica dell’azione autoritativa della P.A. Giurisdizione del G.A. Quantificazione del canone concessorio ex comma 251° dell'art. 1 legge n. 296/2006. Accertamento incidentale della natura pertinenziale o meno dei beni incidenti sul sedime demaniale. Natura meramente patrimoniale della controversia. Giurisdizione dell'AGO. Sussiste. 2. Atto amministrativo. Nullità. Giurisdizione del GA. Presupposti. Concessioni demaniali marittime. Controversie concernenti la nullità dell'atto determinativo del canone concessorio. Giurisdizione dell'AGO. Sussiste
T.A.R. Lazio Latina, Sez. 1, Sentenza 29 settembre 2014, n. 00749
1. Canna fumaria. Titolo edilizio abilitante l'installazione. D.I.A. Installazione sine titulo. Sanabilità ex art. 37, comma 4, d.P.R. n. 380/2001. 2. (segue): sanatoria paesaggistica. Ammissibilità. 3. (segue): contrasto della canna fumaria e norme igienico-sanitarie. Superamento del contrasto con modifica dell'intervento (sopraelevazione). Necessità di appoggiare la canna fumaria a muro esterno di edificio comunale. Servitù di appoggio. Costituzione. Necessità. Principio di leale collaborazione. Inosservanza. Illegittimità. Effetto conformativo della sentenza del G.A.: obbligo per il Comune di concedere la servitù di appoggio
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 1, Sentenza 29 settembre 2014, n. 00999
1. Ius sepulchri. Natura della situazione giuridica sostanziale. Ad immagine di diritto reale nei rapporti inter privati. Interesse legittimo nei riguardi della P.A. concedente. 2. (segue): ius superveniens. Rapporti concessori in corso. Applicabilità. Violazione dell'art. 11 preleggi. Non sussiste. 3. Regolamento di polizia mortuaria. Divieto di alienazione di sepolcreto. Inosservanza. Decadenza dalla concessione. Legittimità. Espropriazione larvata. Non sussiste. Indennizzo. Non spetta. 4. Concessione di beni demaniali. Rilascio. Gara pubblica. Necessità
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 26 settembre 2014, n. 04841
1. Demanio. Concessione a privati per finalità turistico-ricreative. Uso particolare economicamente rilevante. Principi comunitari a garanzia del buon funzionamento del mercato unico. Osservanza. anche nelle procedure di affidamento dei beni demaniali. Necessità. 2. Rinnovo automatico delle concessioni demaniali in essere. Illegittimità costituzionale della normativa regionale per contrasto con i vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario in tema di libertà di stabilimento e di tutela della concorrenza, determinando, altresì, una disparità di trattamento tra operatori economici, in violazione dell'art. 117, secondo comma, lettera e) Cost. 3. (segue): proroga ex lege delle concessioni in essere. Principi in tema di concessioni di distribuzione di gas naturale. Loro applicazione alle concessioni di beni demaniali. 4. Proroga sino al 2020 della durata delle concessioni demaniali con finalità turistico-ricreative ex D.L. n. 194/2009 conv. in legge n. 25/2010, come novellato dall'art. 34-duodecies del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 conv. in legge n. 221/2012. Compatibilità con i principi comunitari. Non sussiste. Violazione del principio comunitario di certezza del diritto. Sussiste. Violazione del principio di adeguatezza e proporzionalità. Sussiste. 5. La questione pregiudiziale rimessa alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza 26 settembre 2014, n. 02401
Condono. Comproprietà e condominio. Soggetti titolati a proporre l'istanza. Verifica dei requisiti soggettivi da parte dell'Amministrazione. Occorre.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 25 settembre 2014, n. 04818
1. Avvalimento. Requisiti speciali. Fatturato o esperienza pregressa. Ammissibilità. 2. Verifica dell’anomalia dell’offerta. Discrezionalità tecnica della stazione appaltante. Sindacato giurisdizionale. Limiti. 3. (segue): valutazione di congruità dell’offerta. Globale e sintetica. Necessità. Tabelle ministeriali sul costo del lavoro. Scostamento. Non rileva ex se.
T.A.R. Sicilia Catania, Sez. 3, Sentenza 24 settembre 2014, n. 02449
Servizi pubblici. Controversie avente carattere meramente patrimoniale. Giurisdizione dell'A.G.O.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza Breve 24 settembre 2014, n. 04802
Atti di pianificazione generale. Reiterazione del vincolo espropriativo. Motivazione lenticolare. Necessità.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 2, Sentenza 24 settembre 2014, n. 02347
Delimitazione del demanio marittimo rispetto a proprietà privata. Controversie. Giurisdizione. Appartiene all'AGO
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, Sez. 1, Sentenza 24 settembre 2014, n. 00507
1. Concessioni demaniali marittime. Pluralità di istanze volte al rilascio. Procedura comparativa. Applicazione dei principi di imparzialità, trasparenza e non discriminazione desumibili anche dalla Direttiva Bolkestein. Necessità. 2. Procedimento amministrativo ad istanza di parte. Imparzialità e buona fede della P.A. Occorre. Modificabilità della domanda formulata dal privato. Risponde a dovere di protezione e di correttezza. 3. Gare pubbliche. Aggiudicazione. Annullamento in sede giurisdizionale. Caducazione del contratto. Va rimessa agli effetti conformativi della sentenza del GA. 4. Gara pubblica per l'affidamento di concessioni demaniali marittime. Annullamento in sede giurisdizionale. Riedizione del potere amministrativo. Valutazione delle offerte. Discrezionalità. Sussiste. Sindacato giurisdizionale. Di tipo estrinseco
T.A.R. Calabria Reggio Calabria, Sez. 1, Sentenza 24 settembre 2014, n. 00505
Concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative. Regione Puglia. Piano regionale delle coste. Piano Comunale delle coste. Rilascio di nuove concessioni demaniali e ampliamento di quelle esistenti nelle more del procedimento di approvazione. Possibilità
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 23 settembre 2014, n. 04788
1. Edilizia privata. Attività di vigilanza. Esercizio di poteri repressivi. Ricorso in sede giurisdizionale. Contointeressati in senso formale. Proprietari di fondo limitrofo. Esclusione. 2. Permesso di costruire. Interventi eseguiti con variazioni essenziali. Rimozione difformità. Residue difformità. Valutazione loro rilevanza in base ai principi di proporzionalità e ragionevolezza. Necessità. 3. Piano regolatore. Destinazione di zona. Insediamenti produttivi a supporto dello sviluppo turistico. Limite dimensionale e non tipologico. Destinazione artigianale. Compatibilità
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 23 settembre 2014, n. 04790
1. Opere realizzare in assenza di titolo abilitativo. Area soggetta a vincolo ex art. 142 d.lgs. 42/2004. Repressione dell'abuso. Proporzionalità della sanzione. Individuazione del pregiudizio concreto. Occorre. Scarso impatto delle opere realizzate. Demolizione. Illegittimità. 2. (segue): ordinanza di demolizione. Accertamento di conformità in sanatoria. Obbligo di definizione del procedimento prima di adottare la sanzione irrogata. Necessità.
T.A.R. Liguria, Sez. 1, Sentenza 23 settembre 2014, n. 01361
Concorsi pubblici. Distinzione tra requisiti di partecipazione e requisiti di assunzione. Altezza minima. Giurisdizione dell'A.G.O.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 3, Sentenza 23 settembre 2014, n. 02321
1. Aggiudicazione definitiva. Annullamento in via di autotutela. Ricorso in sede giurisdizionale limitatamente all'incameramento della cauzione. Accoglimento del ricorso. Scadenza del termine di validità della polizza fideiussoria. Appello. Interesse a ricorrere. Sussiste. 2. Cauzione provvisoria. Incameramento. Limiti. Ragionevolezza. Presupposti. Esclusione dalla gara di appalto. Atti di incameramento. Illegittimità derivata. 3. Dichiarazione sulla c.d. moralità professionale. Individuazione dei soggetti tenuti a renderla. Amministratori muniti dei poteri di rappresentanza. 4. (segue): procuratori ad negotia. Esclusione dal novero dei soggetti tenuti a rendere le dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Procuratori muniti di poteri decisionali particolarmente ampi. Amministratori di fatto. Sono tenuti a rendere le dichiarazioni ex art. 38 cod. contratti. 5. (segue): omessa dichiarazione ex art. 38 cod. contratti da parte di procuratori speciali. Assenza di specifica comminatoria di esclusione nella lex specialis. Soccorso istruttorio. Occorre. Clausola di esclusione. Legittimità.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 22 settembre 2014, n. 04733
1. Accesso agli atti. Diritto di cronaca e diritto di difesa. Limiti oggettivi e soggettivi ex legge n. 241/1990. Operatività.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 22 settembre 2014, n. 04748
1. Parchi. Parco naturale “Isola di S. Andrea e litorale di Punta Pizzo”. Finalità. Tutela risorse naturalistiche e valori economici. Nulla osta paesaggistico. Diniego. Discrezionalità. Sussiste. 2. (segue): compatibilità paesaggistica e compatibilità edilizia. Autonomia dei procedimenti. Connessione. Sussiste. 3. Permesso di costruire. Strumenti urbanistici sopravvenuti. Lavori assentiti e cominciati: irrilevanza. Attrezzature balneari stagionali: rilevanza
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 22 settembre 2014, n. 04759
1. Dichiarazione di inizio attività. Non legittima. Esercizio dei poteri inibitori repressivi da parte dell’Amministrazione. Esercizio dei c.d. poteri di autotutela decisoria. 2. (segue): esercizio dei poteri di autotutela oltre i termini perentori ex art. 23, comma 6°, d.P.R. n. 380/2001. Limiti ex art. 21-nonies legge n. 241/1990. Osservanza. Necessità. Motivazione. Bilanciamento tra interesse pubblico e affidamento del privato per effetto del decorso del tempo.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 22 settembre 2014, n. 04780
1. Imposte e tributi. Decreto Ronchi. Tariffa d'igiene ambientale (TIA). Abrogazione. Regime transitorio. Omessa adozione del regolamento ministeriale attuativo ex artt. 238, commi 6 e 11, codice ambiente. 2. Gestione dei rifiuti urbani. Tasse. Riserva di legge ex art. 23 Cost. Operatività. Tariffa d'igiene ambientale. Competenza regolamentare dei Comuni. Limiti. 3. (segue): autosmaltimento dei rifiuti assimilati. Riduzione proporzionale della T.I.A. Autorizzazione da parte del soggetto gestore. In base al Decreto Ronchi non occorre. Regolamento comunale che la preveda. Illegittimità. 4. Atto amministrativo. Motivazione. Integrazione postuma. Inammissibilità
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 1, Sentenza 19 settembre 2014, n. 04978
1. Atto amministrativo. Indicazione del termine e dell'autorità cui ricorrere. Omissione. Mera irregolarità. 2. Condono edilizio. Rilascio previo accertamento dei presupposti. Diniego. Discrezionalità della PA. Non sussiste. Disparità di trattamento. Irrilevanza. 3. (segue): data di ultimazione dei manufatti suscettibili di sanatoria. Onere della prova. È a carico del privato. Rilievi aerofotogrammetrici. Sufficienza
T.A.R. Lazio Latina, Sez. 1, Sentenza 19 settembre 2014, n. 00720
Piano regolatore. Limiti alla densità abitativa. Trasferimenti di cubatura. Pratica contrattuale. Ammissibilità a prescindere da previsioni normative. Condizioni e limiti. Strumenti urbanistici recante specifiche limitazioni in ordine a tipologie edilizie o alla densità abitativa. Inammissibilità del trasferimento di cubatura. L.R. Campania 20 marzo 1982, n. 14
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 19 settembre 2014, n. 01657
1. Gare per affidamento di appalti di forniture. Requisiti speciali. Capacità tecnica professionale. Determinazione dei requisiti. Discrezionalità della Stazione appaltante. Limiti. Ragionevolezza, proporzionalità e logicità. Specifiche tecniche. Clausola di equivalenza. 2. Clausole tecniche restrittive. Sindacato in sede giurisdizionale. Limiti.
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza 19 settembre 2014, n. 00728
1. Ricorso giurisdizionale. Espropriazione intervenuta oltre il termine di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità. Dismissione dei beni acquisiti a patrimonio pubblico. Mancata impugnazione degli atti inerenti e conseguenti la dismissione. Carenza di interesse. Non sussiste. 2. Piani per l'edilizia economica e popolare. Vincolo preordinato all'esproprio. Efficacia e decorrenza del termine. Reiterabilità. Motivazione. Limiti. 3. Retrocessione ex art. 46 del d.P.R. n. 327/2001. Presupposti. Bene dismesso dal patrimonio pubblico. Domanda proposta nei confronti del terzo aggiudicatario. Inammissibilità. 4. (segue): domanda di retrocessione. Presupposti. Opera non realizzata o cominciata entro dieci anni dall'emanazione del decreto di esproprio. Applicabilità in via analogica del concetto di ultimazione dei lavori in tema di condonabilità delle opere abusive.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 5, Sentenza 19 settembre 2014, n. 04981
1. Azione avverso silenzio il silenzio della Pubblica Amministrazione. Presupposti. Potere autoritativo della Pubblica Amministrazione. Lesione di interessi legittimi pretensivi.2. Appalti pubblici di lavori. Accordo Bonario ex art. 240 d.lgs. n. 163/2006. Afferisce alla fase dell'esecuzione del contratto di appalto. Omessa conclusione del procedimento. Giurisdizione dell'A.G.O.
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 1, Sentenza 18 settembre 2014, n. 02358
1. Espropriazione per pubblica utilità. Omesso completamento della procedura espropriativa. Irreversibile trasformazione del bene privato. Richiesta di emanazione del provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42bis, D.P.R. 327/2001. Non costituisce obbligo, ma una mera facoltà. Ricorso al G.A. avverso il silenzio. Inammissibilità. 2. Giurisdizione e competenza. Irreversibile trasformazione di terreno privato all'esito di procedimento espropriativo non concluso legittimamente. Domanda di acquisizione sanante. Eccezione di usucapione ventennale del bene da parte della P.A. occupante. Conoscibilità da parte del G.A. incidenter tantum. 3. (segue): interversione del possesso. Possesso ad usucapionem. Richiesta di adozione del provvedimento ex art. 42 bis, D.P.R. n. 327/2001 operata dal proprietario è idoneo atto interruttivo
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sez. 1, Sentenza 18 settembre 2014, n. 00353
1. Interventi edilizi. Distinzione tra manutenzione straordinaria e ristrutturazione edilizia. Criteri. 2. Ricorso giurisdizionale. Impugnazione di atto sorretto da pluralità di motivi. Accertamento in sede giurisdizionale della legittimità di almeno uno di essi. Valutazione degli ulteriori motivi di ricorso. Non occorre.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2B, Sentenza 17 settembre 2014, n. 09773
1. Criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Articolazione dei criteri valutativi in sub-criteri. Previsione nel bando di gara. Necessità di stabilire i sub-criteri. Valutazione sulla base dei criteri principali. 2. Gare pubbliche. Offerte. Valutazione. Discrezionalità della Stazione appaltante. Sindacato in sede giurisdizionale. Giudizio “debole”. Limiti.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza 17 settembre 2014, n. 01219
Gare pubbliche. Requisiti di partecipazione. Controllo a campione. Finalità
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2B, Sentenza Breve 17 settembre 2014, n. 09771
1. Ricorso giurisdizionale. Interesse al ricorso. Impugnazione di atto con cui venga annullato concorso per ammissione a Scuola di Specializzazione Medica. Partecipazione alle prove di concorso rinnovate. Acquiescenza. Non sussiste. 2. (segue): assegnazione dei posti messi a concorso nelle more del giudizio di merito. Improcedibilità. Non sussiste. Sanatoria ex art. 4, comma 2-bis, del decreto legge n. 115/2005. Non si applica ai concorsi per ammissione a Scuole di Specializzazione Mediche. 3. (segue) commissione esaminatrice. Surrogazione del supplente. Ratio. Sussistenza del legittimo impedimento. Criteri. Mancata comunicazione. Mera irregolarità formale. 4. Principio della c.d. “collegialità perfetta”. Distinzione tra attività preparatorie e di giudizio. Distinzione tra collegialità e contestualità.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza 16 settembre 2014, n. 01209
1. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Obbligo dichiarativo in capo al socio di maggioranza di società con meno di quattro soci. Persona fisica. Sussiste. Persona giuridica. Non sussiste. 2. Contratti pubblici relativi a servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria. Dichiarazioni ex art. 38 del d.lgs. n. 163/2006. Raggruppamento temporaneo d’imprese. Professionista laureato abilitato da meno di cinque anni. Obbligo.
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza 16 settembre 2014, n. 01216
1. Apposizione del vincolo preordinato all'esproprio. Comunicazione avvio del procedimento. Mediante pubblicità di massa. Limiti. 2. Approvazione del progetto definitivo comportante dichiarazione di pubblica utilità. Comunicazione avvio del procedimento. Mediante pubblicità di massa. Limiti. 3. (segue): comunicazione della data di efficacia dell'atto di approvazione del progetto definitivo. Omissione. Mancata comunicazione. Mera irregolarità. Rilevanza soltanto per la decorrenza dei termini per l'impugnazione. 4. Occupazione d'urgenza ex art. 22-bis d.P.R. n. 327/2001. Motivazione circa l'urgenza. Elevato numero di soggetti espropriandi. È in re ipsa. 5. Approvazione del progetto di opera pubblica. Motivazione circa le valutazioni di idoneità tecnica e di opportunità. Non occorre. È insita negli atti prodromici della procedura espropriativa. 6. Determinazione dell'indennità provvisoria di esproprio. Contestazione in sede giurisdizionale della destinazione urbanistica delle aree espropriate. Giurisdizione dell'A.G.O. 7. Procedura espropriativa. Individuazione dei soggetti destinatari dei provvedimenti. Rilevanza esclusiva dei dati catastali. Pendenza di azione civile di rivendica. Irrilevanza.
T.A.R. Piemonte, Sez. 2, Sentenza 16 settembre 2014, n. 01465
Trasporto pubblico non di linea. Taxi. Titolare di licenza. Istituto della sostituzione della guida. Morte. Pluralità di coeredi. Trasferimento di licenza a uno soltanto o a un terzo nominato congiuntamente. Omissione. Decadenza della licenza
T.A.R. Piemonte, Sez. 2, Sentenza 16 settembre 2014, n. 01473
1. Permesso di costruire. Manufatti strutturalmente precari ma adibiti a soddisfare esigenze permanenti. Necessità. 2. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Contestuale individuazione dell'area di sedime che verrà acquisita per il caso di inottemperanza. Ricorso in sede giurisdizionale. Inammissibilità per difetto di interesse
T.A.R. Piemonte, Sez. 2, Sentenza 16 settembre 2014, n. 01470
1. Ricorso per ottemperanza. Interesse ad agire. Promessa di ottemperare. Cessata materia del contendere. Improcedibilità. Non sussiste. 2. (segue) pronuncia sulle spese. Compensazione. Motivazione. Gravi ed eccezionali ragioni. Criteri. Contrasto sulle spese. Soccombenza virtuale.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 15 settembre 2014, n. 04695
1. Concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative. Affidamento mediante gara. Criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Valutazione dell’offerta. Punteggio Numerico. Motivazione sufficiente. 2. Commissione giudicatrice. Incompatibilità dei componenti. Per aver predisposto gli atti di gara. Sussiste. Per aver redatto atti di natura regolamentare nel settore oggetto dell'appalto. Non sussiste.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 15 settembre 2014, n. 01573
1. Atti relativi ad una lottizzazione di iniziativa privata. Istanza di revoca. Silenzio assenso. Non sussiste. 2. Osservazioni ex art. 10-bis legge n. 241/1990. Motivazione 3. Istanza di revoca degli atti relativi alla lottizzazione. Principio di tutela dell’affidamento. Non sussiste.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 15 settembre 2014, n. 04672
Piano delle aree da destinare a insediamenti produttivi (PIP). Contributo per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria. Finalità. Criteri di commisurazione. Distinzione dal contributo ex legge n. 10/1977. Prescrizione. Decorrenza.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 15 settembre 2014, n. 04687
Fascia di rispetto stradale. Aree in sopraelevazione. Esclusione.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 15 settembre 2014, n. 01567
1. Zone urbanistiche di completamento. Diniego di permesso di costruire. Impugnazione in sede giurisdizionale. Strumenti urbanistici sopravvenuti che mutino la destinazione urbanistica. Omessa impugnazione. Improcedibilità del ricorso. Non sussiste. 2. Piani di lottizzazione. Diritti dei lottizzanti e diritti dell'Amministrazione Comunale. Equilibrio sinallagmatico. Necessità. Cessione gratuita di aree private ricomprese nel p.d.l. Carattere di onere reale. È un onere reale. Imprescrittibilità. Strumenti urbanistici sopravvenuti incompatibili con detto onere. Irrilevanza
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 1, Sentenza 15 settembre 2014, n. 00991
1. Ricorso in sede giurisdizionale. Condizioni dell'azione. Legittimazione ad agire. Provvedimenti abilitativi di attività edilizia. Proprietario di fondo confinante. Criterio della c.d. vicinitas.2. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Inottemperanza. Acquisizione dell'area di sedime. È un effetto automatico. Accertamento di conformità presentato successivamente al decorso del termine di 90 giorni per ottemperare all'ingiunzione demolitoria. Rilascio del permesso di costruire in sanatoria. Illegittimità.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 15 settembre 2014, n. 01560
Obbligo della P.A. di provvedere sull'istanza del privato che chieda l'avvio del procedimento ex art- 42bis T.U. Espropri o, in difetto, la restituzione di propri terreni
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 15 settembre 2014, n. 04696
1. Operazioni portuali. Natura. Distinzione con le operazioni riferibili al trasporto passeggeri. Autorizzazione all'espletamento di operazioni portuali. Estensione dell'autorizzazione alle operazioni riferibili a navi passeggeri. Esclusione. 2. Autorità portuali. Gestione di servizi di interesse generale tramite società di capitali. Obbligo di dismissione della partecipazione. Non sussiste
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 12 settembre 2014, n. 04667
1. Lottizzazione abusiva. Distinzione lottizzazione abusiva sostanziale (o materiale) e lottizzazione abusiva giuridica (negoziale o cartolare). Identica finalità. Trasformazione urbanistica o edilizia in violazione prescrizioni urbanistiche. 2. (segue): lottizzazione abusiva mista. 3. Lottizzazione abusiva giuridica (o negoziale). Destinazione a scopo edificatorio del terreno. Elementi indiziari. Alienazione del lotto a due distinti acquirenti. Insufficienza.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2T, Sentenza 12 settembre 2014, n. 09650
Dichiarazioni ex art. 38 cod. contratti pubblici. Imprese concorrenti. Società per azioni. Organo di gestione. Consiglio di Amministrazione. Dichiarazioni rilasciate soltanto dal Presidente. Sufficienza. Limiti. Equipollenza tra dichiarazione resa “da tutti” e dichiarazione resa “per tutti” dal legale rappresentante.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 12 settembre 2014, n. 04666
Condono edilizio (violazione sostanziale). Accertamento di conformità urbanistica (violazione formale). Differenze. Ordine di demolizione. Presentazione dell'accertamento di conformità in epoca successiva. Sospensione del procedimento sanzionatorio. Inidoneità
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1Q, Sentenza Breve 12 settembre 2014, n. 09633
1. Azione di annullamento. Interesse ad agire. Contratti pubblici. Simmetria escludente. Esame contestuale del ricorso principale e incidentale qualora i vizi dedotti ricadano nello stesso segmento procedimentale. Princìpi. 2. Soccorso istruttorio. Produzione documentale richiesta a pena di esclusione. Distinzione tra regolarizzazione e integrazione documentale. Art. 46 Codice dei contratti modificato dal d.l. 13 maggio 2011, n. 70: applicabilità ratione temporis. Adempimenti formali prescritti dalla lex specialis di gara. Omissione. Esclusione dalla gara. Legittimità.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 12 settembre 2014, n. 04662
1. Oneri di sicurezza. Inclusione nel costo complessivo dell'appalto. Necessità. 2. Appalti di servizi. Cottimo fiduciario. Natura. Discrezionalità della Stazione appaltante: individuazione delle ditte da invitare e scelta del contraente. Limiti: trasparenza e rotazione. Lex specialis autovincolante: numero di ditte invitate superiore a 5 e criterio di aggiudicazione del massimo ribasso. Applicazione del principio di rotazione. Conseguente esclusione dell'affidatario uscente. Illegittimità
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 12 settembre 2014, n. 04661
1. Ricorso giurisdizionale. Termine per impugnare. Tardività. Errore scusabile. Concessione. Presupposti. Questione di legittimità costituzionale dell'art. 37 c.p.a. Manifesta infondatezza. 2. Espropriazione per pubblica utilità. Beni pubblici rientranti nel patrimonio indisponibile. Contrasto tra decreto di esproprio e pregressi accordi tra pubbliche amministrazioni volti a attribuire la disponibilità del bene oggetto del decreto di esproprio alla medesima Autorità espropriante. Illegittimità. Violazione dei principi di trasparenza, buon andamento e del contrarius actus. 3. Beni pubblici. Patrimonio indisponibile. Aree ricadenti in fascia di rispetto autostradale. Espropriazione. Motivazione sulla prevalenza dell'interesse alla realizzazione dell'opera pubblica. Omissione. Illegittimità
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 11 settembre 2014, n. 04623
1. Revocazione della sentenza. Errore di Fatto. Requisiti. 2: (segue): distinzione tra errore di fatto revocatorio e attività valutativa del giudice. 3. (segue): Interpretazione del giudicato. Sindacabilità in sede di giudizio revocatorio. Inammissibilità. Integra errore di diritto. 4. Giusto processo. Questioni rilevate d'ufficio. Divieto di decisioni "a sorpresa". Eccezione introdotta dalle parti. Non si applica l'art. 73, comma 3°, c.p.a.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 settembre 2014, n. 04649
1. Professione forense. Onorari professionali. Valutazione di congruità da parte dei Consigli dell'Ordine. Controversie. Giurisdizione del GA. 2. Atto amministrativo. Distinzione tra atti confermativi e meramente confermativi. Omessa impugnazione dell'atto confermativo. Improcedibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 11 settembre 2014, n. 02345
1. Prove scritte. Motivazione della valutazione. Voto numerico. Insufficienza in assenza di predeterminazione dei criteri di valutazione. Mancanza di annotazioni ex art. 46, comma 5, legge n. 247/2012. Illegittimità. 2. Correzione di prova scritta. Elaborati da correggere. Brutta copia anziché bella copia. Illegittimità. 3. Concorso pubblico. Remand cautelare. Composizione commissione. Garanzie anonimato
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3, Ordinanza Sospensiva 11 settembre 2014, ord. n. 04280
1. Seggio di gara. Principio di collegialità. Osservanza. È necessaria. Fase istruttoria. Distribuzione dei compiti tra i singoli componenti in base alle rispettive competenze. Legittimità. 2. Operazioni gara. Principio di concentrazione e continuità. Derogabilità. Legittimità. Limiti. 3. (segue): lungo lasso di tempo. Illegittimità. Solo se i documenti di gara sono stati manipolati. Onere della prova. È a carico del ricorrente. 4. Fase pre-contenziosa ex art. 243-bis cod. contratti. Competenza a decidere sull'istanza di autotutela. Spetta al RUP. Questioni tecniche complesse. Deferibili al seggio di gara quale organo consultivo
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 10 settembre 2014, n. 04605
1. Dichiarazioni ex art. 38 cod. appalti. Amministratori cessati dalla carica nell'anno antecedente la data di pubblicazione del bando. Necessità. Prescrizione della lex specialis che estenda l'obbligo di dichiarazione a tutti gli amministratori cessati nel triennio antecedente. Nullità. 2. Offerte. Sottoscrizione. Soltanto sul frontespizio. Sufficienza. 3. Avvalimento. Contratto tra impresa ausiliaria e quella ausiliata. Specificità. Necessità a pena di esclusione. 4. Cauzione. Importo. Deposito di cauzione di importo inferiore a quello prescritto dalla lex specialis. Esclusione. Necessità. Soccorso istruttorio. Esclusione. 5. (segue): autentica notarile della firma del sottoscrittore. Necessità. 6. Risarcimento del danno. In forma specifica. Appalto in corso di esecuzione. Esclusione. 7. (segue): per equivalente monetario. Presupposti. 8. (segue): criteri di liquidazione. Utile di impresa. Onere della prova
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 10 settembre 2014, n. 04595
1. Servizi pubblici locali di rilevanza economica. Modalità di gestione. Affidamento in house. Discrezionalità. Sindacato del G.A.. Limiti. 2. (segue): requisiti dell'affidamento in house cd. controllo analogo. Pluralità di enti pubblici associati. Gestione collegiale. Controllo effettivo sull'affidatario. Posizione del singolo ente. Irrilevante.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 10 settembre 2014, n. 04599
1. Governo del territorio. Trasparenza. Pubblicità degli atti. Loro efficacia. 2. (segue): Regione Lombardia. Piano territoriale di coordinamento provinciale. Innovazioni al piano adottato in caso di recepimento di osservazioni. Nuova pubblicazione dello strumento urbanistico. Non occorre. Applicazione in via analogica dell'art. 13, comma 9°, L.R. Lombardia n. 12/2005. 3. (segue): Rapporto tra livelli di pianificazione. Piano territoriale di coordinamento provinciale. Finalità e contenuto. Previsioni prescrittive. In particolare, tutela beni ambientali. 4. (segue): Piano territoriale regionale. Finalità e contenuto. 5. Standard urbanistici. Finalità. Compensazione dello sviluppo urbano di zone di completamento. Prescrizioni del Piano Territoriale di coordinamento provinciale che impongano standard superiori a quelli previsti da fonti di rango primario. Illegittimità. 6. Strumenti urbanistici. Partecipazione. Osservazioni. Loro confutazione. Motivazione specifica. Non occorre. 7. Risarcimento del danno per attività amministrativa illegittima. Onere della prova. Ctu. Inammissibilità se di carattere esplorativo
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 2, Sentenza 10 settembre 2014, n. 02341
1. Tettoie aperte su tre lati e addossate all'edificio principale. Dimensioni e caratteristiche non impattanti. Pertinenze dell'edificio principale. S.C.I.A. Sufficienza: se di natura pertinenziale, aventi finalità di arredo, riparo o protezione. 2. Tettoie. Interventi edilizi minori. Valutazione paesaggistica postuma.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza 10 settembre 2014, n. 04869
1. Autotutela decisoria. Comunicazione di avvio del procedimento. Necessità. 2. (segue): sanabilità dell'omessa comunicazione ex art. 21 octies legge n. 241/1990. Esclusione.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 10 settembre 2014, n. 04867
1. Atto amministrativo. Motivazione. Funzione. Per relationem. Sindacabilità in sede giurisdizionale della motivazione dell'atto richiamato. 2. Giusto procedimento. Soccorso istruttorio. Necessità. 3. Permesso di costruire. Diniego per mancanza di strumenti urbanistici attuativi. Comparto già urbanizzato. Illegittimità del diniego.
T.A.R. Puglia Bari, Sez. 3, Sentenza 10 settembre 2014, n. 01101
Appalti di lavori. Criteri di aggiudicazione. Criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Varianti progettuali e soluzioni migliorative. Distinzione. Ammissibilità delle sole soluzioni migliorative. Accertamento in sede giurisdizionale. C.T.U. Ammissibilità.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 9 settembre 2014, n. 04578
1. Ricorso giurisdizionale. Qualificazione della domanda. Accesso agli atti. Sussistenza dei requisiti sostanziali. Conversione delle azioni. Tipicità del rito. Non osta. 2. Riparto di giurisdizione. Diritti sindacali. A.G.O.: repressione condotta antisindacale. G.A.: competenza residuale. Accertamento sulla riconducibilità o meno dell'azione promossa da OO.SS. tra quelle di cui all'art. 28 legge n. 300/1970. Spetta al G.A. 3. Diritti sindacali. Informazione. Requisito della maggior rappresentatività. Discriminatorio. Non rileva. 4. Sopravvenuta carenza d'interesse. Oggetto della domanda. Accertamento del diritto. Effettiva esecuzione del diritto. Non rileva.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 9 settembre 2014, n. 04580
Obbligo di motivazione con riferimento alle varianti urbanistiche.
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 9 settembre 2014, n. 01439
1. Dichiarazioni ex art. 38 cod. contratti. Omissione ab initio. Esclusione. Necessità. Soccorso istruttorio. Impossibilità. Ratio. Valutazione del reato. È attività riservata alla Stazione appaltante. 2. (segue): compatibilità con il diritto comunitario dell'art. 38 cod. contratti. Sussiste
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 8 settembre 2014, n. 04543
1. Patrimonio indisponibile. Impianti sportivi comunali. Ordine di sgombero. Autotutela esecutiva. Natura della posizione giuridica sostanziale del privato occupante. Interesse legittimo. 2. (segue): giurisdizione del G.A. Translatio judicii. Azione civile introdotta oltre 60 gg dalla conoscenza dell'atto. Irricevibilità del ricorso al GA
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 1, Sentenza 8 settembre 2014, n. 01537
1. Regolamento urbanistico. Termine di impugnazione. Decorrenza. Pubblicità ex art. 10, comma 6, L.n. 115/1942. 2. Strumento urbanistico generale. Zonizzazione. Discrezionalità. Sindacato di legittimità del G.A. Limiti. Motivazione. Non necessaria. Desumibile dai criteri generali del piano. 3. Art. 33, comma 3 L.R. Basilicata n. 23/1999. Valore suolo. Perequazione urbanistica. Incide la situazione di fatto e di diritto determinata dal R.U. 4. Consiglio Comunale. Delibera successiva all'indizione dei comizi elettorali. Motivi impugnazione: motivazione inesistente e/o palesemente irrazionale o illogica. 5. Risarcimento del danno. Interesse legittimo. Accertamento illegittimità provvedimento lesivo. Necessità.
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 8 settembre 2014, n. 00609
Tassatività delle cause di incompatibilità di cui all'art. 51 c.p.c. (estensibili anche ad ogni campo dell'azione amministrativa)
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza 8 settembre 2014, n. 01431
1. Verifica di anomalia delle offerte. Natura e finalità della procedura: accertamento in concreto dell'affidabilità delle offerte. 2. (segue): giusto procedimento. Contraddittorio. Assenza di preclusioni alla presentazione di giustificazioni. Immodificabilità dell'offerta. 3. (segue): valutazione globale e sintetica delle offerte. Necessità. Indagine limitata alle sole voci sospette e non a tutte. Legittimità. 4. (segue): sindacato giurisdizionale. Limiti. Illogicità macroscopiche o erroneità fattuali che rendano palese l’inattendibilità complessiva dell’offerta
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 5 settembre 2014, n. 04516
1. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Completezza delle dichiarazioni. Necessità. Finalità. Dichiarazioni incomplete. Esclusione. Legittimità. Indicazione della sanzione espulsiva nella lex specialis. Non occorre. Eterointegrazione della lex specialis con la norma di legge. Soccorso istruttorio. Non consentito. 2. (segue) Omessa indicazione di precedenti penali. Falso innocuo. Irrilevanza. Formulazione ambigua dei modelli predisposti dalla Stazione appaltante. Esclusione del concorrente. Illegittimità. 3. (segue) Estinzione del reato. Espressa pronuncia del giudice dell’esecuzione penale.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza Breve 5 settembre 2014, n. 04528
1. Concorsi pubblici. Commissione giudicatrice. Vizio di incompatibilità. Ricorso giurisdizionale. Interesse a ricorrere. Distinzione tra prova concorsuale e prova attitudinale. Non rileva. 2. (segue): bene della vita cui aspira il ricorrente. È l'imparziale svolgimento della procedura selettiva attitudinale. Legittimità del rifiuto del concorrente a partecipare al segmento concorsuale successivo a quello viziato da incompatibilità. 3. Commissione d'esame. Commissari. Obbligo di astensione ex art. 51 c.p.c. derivante da parentela tra commissario e candidato. Applicabilità ai procedimenti concorsuali. Esclusione del candidato. Non rileva. Ratio: escludere indebito vantaggio a favore di uno dei concorrenti anche in maniera negativa. Accertamento in concreto dell'effetto distonico. Non rileva. 4. (segue): quando la graduatoria è espressione di valutazione assoluta dei singoli candidati. Incompatibilità inficia soltanto la posizione del candidato legato da vincolo parentale con il commissario. Salvezza della prova selettiva e della graduatoria. È necessaria in ossequio al principio di buon andamento e a tutela dell'affidamento dei concorrenti.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 5 settembre 2014, n. 04521
Ricorso collettivo. Conflitto di interessi tra ricorrenti. Inammissibilità. Interesse ad agire e condizioni legittimanti. Onere di specificazione a carico dei ricorrenti.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3B, Sentenza 5 settembre 2014, n. 09459
1. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Comunicazione avvio del procedimento. Non occorre. È atto dovuto. 2. Abusi edilizi. Accertamento congiunto dell'A.C. e del proprietario. Provvedimenti repressivi. Comunicazione di avvio del procedimento. Non occorre. 3. Ordine di demolizione di manufatti abusivi. Inottemperanza. Accertamento. Contraddittorio procedimentale. Non occorre. 4. Ordine di demolizione di manufatti abusivi. Motivazione. Non occorre. 5. Epoca di commissione di abuso edilizio. Onere della prova. Ricade sul proprietario. 6. Atti repressivi di abusi edilizi. Affidamento del privato. Non rileva. 7. Inottemperanza dell'ordine di demolizione. Acquisizione gratuita. Motivazione. Non occorre. 8. (segue): indicazione delle aree oggetto di acquisizione. Non occorre. 9. Opere di recinzione della proprietà privata. Titolo edilizio. Occorre. Sanzione ripristinatoria. Ammissibilità
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 4 settembre 2014, n. 00590
1. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Comunicazione avvio del procedimento. Non occorre. È atto dovuto. 1.1. L’ordine di demolizione conseguente all’accertamento della natura abusiva delle opere realizzate, come tutti i provvedimenti sanzionatori edilizi, è un atto dovuto: l’ordinanza va emanata senza indugio e, in quanto tale, non deve essere preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento, trattandosi di una misura sanzionatoria per l’accertamento dell’inosservanza di disposizioni urbanistiche,...
1. Criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Valutazione dell’offerta tecnica. Poteri della Commissione di gara. Integrazione sistema di valutazione. Illegittimità. Regole di ponderazione. Conosciuti preventivamente dagli offerenti. Sottocriteri di aggiudicazione. Previsione nel bando ex art. 83, comma 4, D. Lgs. n. 163/2006. 2. Annullamento in sede giurisdizionale di segmenti procedimentali della gara. Invalidità dell'intera gara. Non occorre. Principio di conservazione dell’effetto utile degli atti giuridici. Prevalenza. Rinnovo parziale della gara. Ammissibilità. Intervenuta conoscenza delle offerte. Non rileva.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 4 settembre 2014, n. 04514
1. Lesione interesse legittimo. Annullamento dell'atto lesivo. Risarcimento del danno. Non automatico. Verifica sussistenza dei requisiti. 2. Occupazione acquisitiva. Risarcimento in forma specifica. Realizzazione dell'opera pubblica. Non rileva. 3. Risarcimento per occupazione illeggittima. Danno da perdita della proprietà. Non sussiste. 4. (segue) Riasarcimento del danno. Valore d'uso del bene. Criteri. 5. Occupazione illegittima. Illecito permanente.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 5, Sentenza 4 settembre 2014, n. 04701
1. Avvocato. Esame di Stato per l'abilitazione professionale. Correzione prove scritte. Mera attribuzione di punteggio numerico. Difetto di motivazione. Sussiste. 2. (segue): applicabilità di criteri valutativi non ancora entrati in vigore. Discriminazione sul base del mero dato cronologico. Non sussiste. Interpretazione costituzionalmente orientata: valutazione complessiva dell'ordinamento.
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 2, Ordinanza Sospensiva 4 settembre 2014, ord. n. 00404
1. Accertamento di conformità. Riesame dell’abusività dell’opera edilizia. Inefficacia dei provvedimenti sanzionatori emanati precedentemente. Necessità di nuovo provvedimento sanzionatorio. 2. Diniego al rilascio del permesso di costruire in sanatoria. Motivazione. Effettivo contrasto tra l’opera realizzata e gli strumenti urbanistici. Ragioni tecnico-valutative al diniego del permesso in sanatoria. Ostacoli di fatto e di diritto.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 3, Sentenza Breve 3 settembre 2014, n. 02254
Convenzioni ex art. 18 d.P.R. n. 380/2001. Determinazione dei canoni di locazione. Penale convenzionale per il caso di inadempimento. Cessione dell'alloggio a terzi. Pattuizione di un prezzo superiore a quello previsto in convenzione. Applicazione della penale. Soggetto legittimato passivo. È il costruttore non il terzo acquirente
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 settembre 2014, n. 04492
Fascia di rispetto autostradale. Vincolo. All'interno di centro abitato. Non opera. Sanatoria straordinaria di manufatto realizzato anteriormente alla delimitazione di abitato in base a codice della strada. Strumenti urbanistici. Rilevanza. Diniego di condono. Illegittimità
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 settembre 2014, n. 04469
1. Raggruppamenti temporanei d'imprese. Principio di simmetria tra quote di partecipazione e quote di esecuzione. Ratio. 2. Imprese in possesso di categoria di lavorazione OG11. Assorbimento delle categorie specialistiche indipendentemente da qualsiasi previsione della lex specialis di gara. 3. Subappalto di categorie specialistiche. Onere di indicare il nominativo dell'impresa subappaltatrice in sede di presentazione dell'offerta. Non sussiste. 4. Gare appalto di lavori pubblici. Costi della sicurezza aziendali. Oneri di indicarli in sede di presentazione dell'offerta economica. Non sussiste. Omessa previsione di tale adempimento nella lex specialis e nei moduli predisposti dalla Stazione appaltante. Affidamento incolpevole dei concorrenti. Rilevanza. 5. Gare pubbliche di appalto di lavori da aggiudicarsi secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Verifica dell'anomalia dell'offerta. Presupposti. Esercizio facoltativo del potere di verifica. Discrezionalità della Stazione Appaltante. Limiti del sindacato giurisdizionale circa l'omesso esercizio
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sez. 2, Sentenza 2 settembre 2014, n. 00835
Permesso di costruire. Contributi ex art. 16 d.P.R. n. 380/2001. Rideterminazione in epoca successiva al rilascio. Richiesta di conguaglio. Illegittimità. Violazione del principio di irretroattività
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2B, Sentenza Breve 2 settembre 2014, n. 09285
1. Ricorso giurisdizionale. Concessione di servizi pubblici. Affidamento. Annullamento in via di autotutela. Rito applicabile. È quello speciale in materia di commesse pubbliche. 2. Ricorso giurisdizionale. Tardività. Errore scusabile. Concessione. Presupposti. Dovere di cooperazione ricadente sulla PA. Violazione per errata indicazione del termine per impugnare. Scusabilità dell'errore. Sussiste. 3. Autorità Garante della concorrenza e del mercato. Poteri sugli atti amministrativi che determinano distorsioni della concorrenza. Legitimatio ad causam. 4. (segue): Parere motivato. Termine di adozione. Se mira a sollecitare la pubblica amministrazione a rivedere le proprie determinazioni: è sollecitatorio. Se costituisce il presupposto dell’avvio di una fase pre-contenziosa: è perentorio. 5. Servizi pubblici locali. Individuazione dei confini delle attività dei Comuni. Spetta ai Comuni. Criterio oggettivo di individuazione di servizi pubblici. Gestione di impianti sportivi. È servizio pubblico. Affidamento in deroga ai principi di derivazione comunitaria. Non ammissibilità. Superamento del precedente orientamento del GA. Necessità. 6. (segue): servizi pubblici locali. Modello organizzativo originario: regime di riserva originaria. In forma diretta (aziende speciali) o in forma indiretta (enti pubblici economici). Individuazione di servizio pubblico. Criterio residuale, i.d. soggettivo: attività diverse da funzioni pubbliche di cui è titolare la P.A. 7. (segue): evoluzione della nozione di servizio pubblico. Imputabilità di esso alla PA. Sufficienza. Gestione da parte di privati. Ammissibilità. Presupposto. Atto concessorio. Ulteriore evoluzione: affidamento a privati con mantenimento di poteri soltanto regolatori in capo alla PA. 8. (segue): servizi aventi rilevanza economica e servizi non economici. Distinzione. Servizio di interesse economico generale. Nozione comunitaria. 9. (segue): assimilabilità della nozione di servizio pubblico locale a quella di servizio pubblico di interesse generale. 10. (segue): affidame
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2Q, Sentenza 1 settembre 2014, n. 09264
1. Registro dei consulenti chimici di porto. Requisiti per l'iscrizione. Iscrizione all'albo dei chimici. Sufficienza. 2. Diniego di iscrizione al registro dei consulenti chimici di porto. Illegittimità. Domanda risarcitoria. Elemento soggettivo della colpa della PA. Insussistenza per oggettiva situazione di complicazione normativa
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 26 agosto 2014, n. 04298
Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Completezza e veridicità delle dichiarazioni. Necessità. Ratio. Reati fiscali. Incidenza sulla moralità professionale. Sussiste
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza Breve 19 agosto 2014, n. 02208
Soccorso istruttorio. Ratio. Limiti. Incompletezza della documentazione. Mera irregolarità. Sanabilità
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza Breve 19 agosto 2014, n. 02207
Insindacabilità in appello della decisione del giudice di primo grado di non riunire due ricorsi connessi.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 14 agosto 2014, n. 04261
Condizioni di operatività della rinuncia al ricorso ex art. 84 c.p.a.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 8 agosto 2014, n. 04256
Sulle modalità di computo dei termini processuali.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 8 agosto 2014, n. 04250
Diniego di rilascio del permesso di soggiorno motivato ai sensi dell’art. 4, 3° comma del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza Breve 5 agosto 2014, n. 01337
Sui presupposti di retribuibilità delle mansioni superiori primariali svolte dall’Aiuto più anziano
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 1 agosto 2014, n. 04124
Obbligo di notifica per la domanda risarcitoria proposta nel corso del giudizio
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 18 luglio 2014, n. 03848
Requisiti di specificità e determinatezza dei contratti di avvalimento ex art. 49 Codice dei contratti
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 15 luglio 2014, n. 03716
Distinzione tra l’ipotesi di cessazione della materia del contendere e l’ipotesi di sopravvenuta carenza di interesse al ricorso
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 15 luglio 2014, n. 03699
Limiti di sindacabilità in appello del potere del giudice amministrativo di compensare le spese di lite
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 14 luglio 2014, n. 03682
Sulla riconducibilità di un muro di cinta di altezza al colmo pari a 1,70 mt. tra le opere soggette, non a D.I.A. (oggi S.C.I.A.), ma a permesso di costruire.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 4 luglio 2014, n. 03408
Sui requisiti per apprezzare l’intervenuta usucapione dell’area a favore della P.A. in caso di occupazione di un’area protratta per oltre vent’anni, senza che sia intervenuto il decreto di esproprio
Cons. St., Sez. 4, Sentenza Breve 3 luglio 2014, n. 03346
Sulle ipotesi di rimessione della causa al giudice di primo grado ex art. 105 c.p.c.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 3 luglio 2014, n. 03372
Lex specialis di gara. Clausole ambigue. Soluzioni tecniche. Principio di equivalenza. Facoltà della Commissione di gara di fornire chiarimenti. Limiti. Modifica della lex specialis in sede di chiarimenti. Divieto, salva facoltà di annullare la gara in via di autotutela
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3Q, Sentenza 1 luglio 2014, n. 06883
1. Requisito di partecipazione. Pregresso svolgimento di servizi analoghi. Concetto di similarità tra i servizi oggetto di appalto e i servizi pregressi. 2. Inefficacia del contratto. Vizio dell’aggiudicazione. Subentro ex art. 122 c.p.a.. 3. Contratto eseguito in parte. Risarcimento del danno ex art. 124 c.p.a.. Presupposti. Criteri di liquidazione del danno ex art. 34, comma 4, c.p.a.. Mancato utile. Danno emergente. Danno c.d. curriculare.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 25 giugno 2014, n. 03220
Ottemperanza. Penalità di mora ex art. 114, comma 4, lett. e, c.p.a.. Esecuzione di provvedimenti di condanna aventi ad oggetto prestazioni pecuniarie. Ammissibilità. Presupposti. Ragioni ostative.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/Sentenza 25 giugno 2014, n. 00015
1. Gare pubbliche di appalto. Criterio di aggiudicazione. Offerta economicamente più vantaggiosa. Varianti progettuali. Sindacato giurisdizionale. Limiti. 2. Consorzi tra operatori economici. Dichiarazione circa condizione di controllo o collegamento tra consorzio e impresa consorziata. Non occorre. 3. Clausole della lex specialis che prevedano adempimenti sanzionati a pena d'esclusione praeter legem. Nullità. Soccorso istruttorio. Occorre. 4. Giudizi amministrativi in materia di gare pubbliche di appalto. Censure relative alla serietà, congruità, completezza delle offerte formulate anteriormente al compimento alla verifica di anomalia. Inammissibilità per il divieto al G.A. di pronunciarsi su poteri non ancora esercitati. 5. Subprocedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta. Natura, ratio e finalità. Oneri probatori a carico del concorrente sottoposto a verifica. Limiti del sindacato giurisdizionale
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 1, Sentenza 20 giugno 2014, n. 03458
Appalto di lavori pubblici. Fase privatistica successiva alla stipula del contratto. Sopravvenute ragioni di inopportunità della prosecuzione del rapporto negoziale. Disciplina applicabile. Recesso. Art. 134 del D.Lgs. n. 163/2006. Revoca. Art. 21 quinquies, comma 1 bis, della Legge n. 241/1990
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/Sentenza 20 giugno 2014, n. 00014
Idoneità tecnico morale delle imprese a contrarre con la P.A. Esclusione dalle gare pubbliche per gravi inadempienze nell'esecuzione di precedenti contratti. Onere probatorio. Congruità della motivazione
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2B, Sentenza Breve 19 giugno 2014, n. 06525
1. Lex specialis di gara. Interpretazione. Modulistica fornita dalla stazione appaltante lacunosa o contrastante con fonti primarie. Tutela dell'affidamento dei concorrenti. Necessità. 2. Divieto di eterointegrazione della lex specialis di gara. 3. Soccorso istruttorio. Mera integrazione o specificazione di dichiarazioni già rese. Ammissibilità. Introduzione di elementi o fatti nuovi. Divieto
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 17 giugno 2014, n. 03093
1. Opere strategiche di interesse nazionale. Approvazione del progetto preliminare. Soggetti espropriati. Partecipazione al procedimento. Deroghe al procedimento espropriativo ordinario. 2. Progetto preliminare delle infrastrutture strategiche. Deliberazione di approvazione. Termine per impugnare dinanzi al GA. Decorre dalla data di pubblicazione in GURI della deliberazione. Omessa indicazione dei dati catastali e dei soggetti espropriandi. Irrilevanza. Omessa pubblicazione su Albo pretorio comunale e su Bollettino Ufficiale regionale. Irrilevanza. 3. Progetto preliminare delle infrastrutture strategiche. Procedura di affidamento degli incarichi di progettazione ed esecuzione. Legittimazione a ricorrere dei soggetti espropriandi. Non sussiste
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 10 giugno 2014, n. 02963
Obblighi risarcitori derivanti alla P.A. dalla violazione della regola dell’anonimato nei pubblici concorsi/selezioni
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 9 giugno 2014, n. 02935
1. Espropriazione per pubblica utilità. Illegittimità della procedura. Obbligo di restituzione dei beni illecitamente appresi e di risarcire i danni medio tempore patiti. Giurisdizione del Giudice Amministrativo. Legittimazione passiva. Soggetti legittimati passivi. 2. Annullamento in sede giurisdizionale degli atti che hanno disposto espropriazione per pubblica utilità di beni privati. Natura abusiva dell'occupazione. Obbligo di restituzione e di rimessa in pristino stato. Ricade sul soggetto titolare del bene. Facoltà di rivalersi sulle PA che hanno posto in essere la procedura espropriativa illegittima
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sez. 1, Sentenza 3 giugno 2014, n. 00244
Ricorso al Giudice Amministrativo. Contenuto. Procura alle liti. Onere di indicazione. Allegazione al ricorso di una procura speciale indicante altro difensore e sottoscritta dallo stesso. Errore materiale. Scusabilità
T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, Sentenza 3 giugno 2014, n. 00255
Ambito di applicazione del D.A.S.P.O.
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza Breve 30 maggio 2014, n. 00944
Irrisarcibilità dei danni determinati dalla sopravvenienza di una normativa più sfavorevole che avrebbero potuto essere evitati dal comportamento diligente dell’istante.
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 29 maggio 2014, n. 02783
Sulla prova circa il tempo di ultimazione di un’opera edilizia
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 29 maggio 2014, n. 02782
Accertamento della regolarità edilizia di manufatti realizzati ante ‘67 al di fuori dei centri abitati
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 29 maggio 2014, n. 00899
1. Gare pubbliche. Aggiudicazione definitiva. Controlli. Annullamento in via di autotutela. Affidamento dell'aggiudicatario all'esecuzione del contratto. Non sussiste. 2. Operazioni di gara. Regole di azione. Redazione del verbale di gara. Individuazione del soggetto cui è attribuita la relativa funzione. Omesso esercizio della funzione de qua. Illegittimità delle operazioni di gara. Sussiste. 3. Sedute della commissione di gara. Verbalizzazione. Contestualità rispetto alle sedute. Non occorre. Minute dei momenti essenziali. Occorre. Omissione. Illegittimità
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 26 maggio 2014, n. 02692
1. Autorizzazione paesaggistica. Parere soprintendentizio. Decorrenza del termine perché venga reso. Decadenza. Non ricorre. Successiva adozione dell'autorizzazione paesaggistica. Consumazione del potere soprintendentizio. 2. Parere soprintendentizio. Natura, funzione, limiti. Limiti del sindacato giurisdizionale
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 26 maggio 2014, n. 00999
Obbligo della valutazione sulla condizione sociale e familiare dello straniero anche in caso di richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro
T.A.R. Piemonte, Sez. 1, Sentenza Breve 22 maggio 2014, n. 00903
Obbligo della P.A. di riattivare il procedimento sanzionatorio anche a fronte di una domanda di sanatoria non rigettata nel merito, ma dichiarata inammissibile
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 22 maggio 2014, n. 02851
Realizzazione di opere abusive. Rilascio del titolo abilitativo. Contestazione dell'abuso a distanza di lungo tempo. Sanzione ripristinatoria. Valutazione dell'interesse pubblico. Necessità. Carenza di motivazione. Eccesso di potere. Sussiste. Legittimo affidamento. Sussiste.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 3, Sentenza 19 maggio 2014, n. 01296
1. Opere edilizie abusive. Domanda di condono. Interventi edilizi di completamento. Ammissibilità. Limiti. 2. Ordinanza di demolizione di manufatti abusivi. Onere di motivazione. Non sussiste. Onere di verificare la sanabilità delle opere. Non sussiste. 3. Abusi edilizi. Sanzioni edilizie. Onere di comunicare l'avvio del procedimento. Non sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 6, Sentenza 15 maggio 2014, n. 02701
Sul riparto di giurisdizione in materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche
T.A.R. Toscana, Sez. 2, Sentenza Breve 7 maggio 2014, n. 00771
Sulla normativa nazionale di regolamentazione delle attività di raccolta scommesse
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 1T, Sentenza Breve 7 maggio 2014, n. 04773
1. Giurisdizione esclusiva giudice amministrativo. Erogazione del servizio didattico per minore disabile. Predisposizione di misure di sostegno. Misure compensative. 2. Soggetto con disabilità gravi. Onere per l’amministrazione di predisporre misure di sostegno. Adeguatezza delle misure compensative. Fruizione effettiva del percorso di istruzione. Accertamento non limitato al corrente anno scolastico. Diritto all’insegnante di sostegno. Rapporto 1/1. Efficacia situazione accertata fino a nuovo documento. 3. Sostegno didattico a studenti con disabilità. Omissione o ingiustificata riduzione. Diritto al risarcimento del danno non patrimoniale. Danno esistenziale. Danno che incide sulla personalità del minore. Danno subito sotto il profilo psicologico. Danno subito sotto il profilo didattico. Quantificazione del danno in via equitativa.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 3, Sentenza Breve 7 maggio 2014, n. 01167
1. Ristrutturazione edilizia e manutenzione straordinaria. Distinzione. Innovazioni che seguono un disegno sistematico volte a trasformare un immobile da struttura unitaria a agglomerato di microimprese. È ristrutturazione edilizia. 2. Oneri di urbanizzazione. Natura. Carattere corrispettivo. Intervento di ristrutturazione edilizia senza mutamento di destinazione d'uso. Modalità di determinazione degli oneri di urbanizzazione
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 1, Sentenza 6 maggio 2014, n. 00468
Onere di motivazione mitigato per il rigetto delle osservazioni presentate dai privati in sede di formazione dei nuovi strumenti urbanistici
T.A.R. Toscana, Sez. 1, Sentenza 5 maggio 2014, n. 00700
Applicabilità del principio di cui all’art. 2126 c.c. anche ai periodi di lavoro svolti in virtù di provvedimento cautelare del giudice amministrativo
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 2 maggio 2014, n. 02285
Container collocato su terreno agricolo: l’utilità prolungata ne esclude la precarietà
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza Breve 2 maggio 2014, n. 00681
Sulla applicabilità della sanzione dell'incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell'art. 48 D.Lgs. 163/2006 anche nel caso di mero ritardo della produzione documentale.
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 30 aprile 2014, n. 02274
Il potere di qualificazione giuridica dell’azione del giudice amministrativo.
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 24 aprile 2014, n. 02078
1. Organizzazione mondiale del commercio. Agreement on Government Procurement (GPA o Accordo sugli appalti pubblici). Condizioni di reciprocità. Art. 47 cod. contratti pubblici. Ambito oggettivo di applicazione. Lavori pubblici. 2. Appalti pubblici. Appalti misti di servizi e forniture. Individuazione della disciplina applicabile. Criterio funzionale. Applicabilità limitazioni previste a livello europeo per i contratti con le ditte statunitensi in virtù del principio di reciprocità. Appalti di sola fornitura non applicabilità delle limitazioni. Appalto esclusivamente di fornitura ove finalità della gara è fornire alla stazione appaltante una serie di riviste cartacee e informatiche
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sez. 1, Sentenza 24 aprile 2014, n. 00179
1. Autorizzazione paesaggistica postuma. Acquisizione del parere vincolante della competente soprintendenza. Sussiste. Omissione. Illegittimità. 2. Abusi edilizi. Domanda di condono. Effetti. Sospensione dei procedimenti sanzionatori (penali e amministrativi). Illegittimità della sanzione emessa anteriormente alla definizione della domanda di condono
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza 23 aprile 2014, n. 00823
Il concetto di "edificio esistente" ai fini della definizione di intervento di ristrutturazione edilizia.
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 23 aprile 2014, n. 00654
Inammissibilità del divieto di integrazione postuma dei provvedimenti amministrativi
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 23 aprile 2014, n. 00653
I presupposti per l’esercizio del potere di tutela possessoria di diritto pubblico di una strada vicinale
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 23 aprile 2014, n. 00649
1. Beni indisponibili. Espropriazione per pubblica utilità. Presupposti. 2. Beni demaniali. Espropriazione. Sdemanializzazione. Necessità. Autorità competente. È quella titolare del bene. Diniego di sdemanializzazione. Azione di accertamento della perdita della natura demaniale. Ammissibilità. 3. Espropriazioni per pubblica utilità. Riparto competenze tra Stato, Regioni e Province Autonome. Principi fondamentali che regolano la materia. Limiti della potestà legislativa concorrente. Procedimento espropriativo accelerato e/o semplificato. Motivazione della scelta del ricorso alla procedura “semplificata”. Necessità
T.A.R. Lombardia Brescia, Sez. 2, Sentenza 22 aprile 2014, n. 00420
1. Giudice dell’appello. Competenza funzionale. Questione di ammissibilità. Translatio iudicii. Riassunzione. Preclusa. Consumazione del potere di impugnare. Passaggio in giudicato. 2. Giudice dell’appello. Consiglio di Giustizia Amministrativa. Competenza funzionale. Appello al Consiglio di Stato. Inammissibile. Riassunzione. Preclusa. Consumazione potere di impugnare. Passaggio in giudicato.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/Sentenza 22 aprile 2014, n. 00012
1. Motivi aggiunti in appello. Avverso nuovi atti sopravvenuti. Inammissibilità. 2. Condizioni dell'azione. Interesse a ricorrere. Gare pubbliche. Contestazione degli atti di gara. Possesso dei requisiti di partecipazione. Necessità. Interesse strumentale alla riedizione della gara. Non sussiste. 3. SOA. Verifica triennale di validità. Omissione. Perdita della condizione legittimante la partecipazione alla gara. Esclusione dalla gara. Legittimità
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 18 aprile 2014, n. 01987
Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Finalità. Falsità o incompletezza. Lesione dell'affidamento della Stazione Appaltante e del principio di buon andamento. Violazione del soccorso istruttorio. Non sussiste. Incompletezza della modulistica fornita dalla Stazione appaltante. Non rileva. Carattere imperativo delle disposizioni del codice dei contratti sulle dichiarazioni da rendere a corredo delle offerte
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 11 aprile 2014, n. 01771
Appalti pubblici di servizi e forniture. Principio della corrispondenza tra quota di qualificazione, quota di partecipazione e quota di esecuzione. Applicabilità. Novella dell'art. 37, comma 13, cod. contratti ex art. 1, comma 2-bis, lett. a) D.L. n. 95/2012. Applicazione retroattiva. Non opera
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 11 aprile 2014, n. 01753
1. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Direttore tecnico. Obbligo di renderla. Sussiste. Responsabile tecnico. Non sussiste. 2. Controllo dei requisiti. Documenti comprovanti i requisiti in possesso di amministrazioni pubbliche. Obbligo della Stazione appaltante di acquisirli d'ufficio. Sussiste. 3. Verifica di anomalia delle offerte. Ratio. Limiti del sindacato giurisdizionale
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 10 aprile 2014, n. 01744
1. Verifica di anomalia delle offerte. Ratio. Giudizio sull'anomalia delle offerte. Discrezionalità tecnica. Sindacabilità giurisdizionale. Limiti. 2. (segue): utile di impresa. Esclusione dalla gara di imprese che propongano offerte economiche sguarnite di utile. 3. Dichiarazioni sulla moralità professionale. Pregiudizi penali. Ratio dell'obbligo di dichiarazione. Incidenza delle condanne penali. Valutazione da parte della Stazione appaltante. Onere di motivazione
T.A.R. Sicilia Catania, Sez. 1, Sentenza 10 aprile 2014, n. 01059
1. Revisione dei prezzi. Qualificazione della posizione giuridica sostanziale dell'appaltatore in termini di diritto soggettivo. Giurisdizione esclusiva del Giudice Amministrativo. Sussiste. 2. Revisione dei prezzi. Ratio dell'istituto. Operatività del meccanismo anche per il primo anno contrattuale. Ammissibilità. Violazione dei principi di concorrenzialità e di trasparenza. Onere della prova. È a carico della stazione appaltante
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 9 aprile 2014, n. 01697
1. Principio di equivalenza delle specifiche tecniche. Appalti sottosoglia. Operatività del principio. 2. Clausola di equivalenza. Carattere imperativo. Non sussiste. Eterointegrazione della lex specialis. Non può ammettersi. Clausole dubbie. Potere della Commissione giudicatrice di valutare l'equivalenza delle soluzioni tecniche proposte dalle imprese concorrenti. Sussiste
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 8 aprile 2014, n. 01666
1. Giustizia amministrativa. Interesse al ricorso. Sopravvenuta carenza di interesse. Presupposti. Limiti. 2. Diritto di accesso. Acquisizione di notizie e informazioni e non di documenti. Inammissibilità. Onere della prova dell'esistenza di documenti. Ricade sull'istante. 3. Procedimento amministrativo. Norme sulla partecipazione procedimentale. Esegesi sostanziale e non formalistica. Necessità. 4. Enti locali. Pareri previsti per l'adozione di deliberazioni comunali. Non costituiscono requisiti di legittimità delle deliberazioni
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 8 aprile 2014, n. 01663
1. Gare pubbliche di appalto. Avvalimento. Certificazione sul rispetto della normativa sui disabili. Dichiarazioni sostitutive delle imprese ausiliarie. Dichiarazione generica di possesso di tutti i requisiti ex art. 38 cod. contratti. Sufficienza salvo che non sia disposto altrimenti dalla lex specialis di gara. 2. Avvalimento. Ratio dell'istituto. Ammissibilità al fine di dimostrare il possesso di requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico, organizzativo, ovvero di attestazione della certificazione SOA. Certificazione di qualità aziendale. Rientra tra i requisiti soggettivi di carattere tecnico. Può essere oggetto di avvalimento solo se l'impresa ausiliaria metta a disposizione dell'impresa ausiliata l'intero complesso aziendale. Imprese appartenenti a un'unica holding. Sussistenza dei presupposti per l'avvalimento di requisiti soggettivi di qualità aziendale. 3. Avvalimento e subappalto. Differenze. Facoltà dell'impresa ausiliata di subappaltare all'impresa ausiliaria l'esecuzione di prestazioni del contratto di appalto. Sussiste nei limiti in cui è ammesso il contratto di subappalto
Cons. St., Sez. 3, Sentenza 7 aprile 2014, n. 01636
1. Giudizi impugnatori di legittimità. Ricorso incidentale dell'amministrazione resistente contro proprio atto. Carenza di interesse. Inammissibilità. 2. Consorzi stabili. Requisiti di partecipazione alle gare pubbliche. Rilevano i requisiti posseduti dal consorzio e non quelli della singola consorziata esecutrice dei lavori. 3. Avvalimento. Finalità. Necessità di circostanziare l'impegno dell'impresa ausiliaria a favore dell'impresa ausiliata
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 4 aprile 2014, n. 00898
Contenzioso in materia di appalti pubblici di servizi. Legittimazione a ricorrere. Titolarità di una posizione differenziata. Impresa non partecipante alla gara. Difetto di requisiti legittimanti l'azione. Posizione di precedente affidataria del servizio. Irrilevanza
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 3, Sentenza 4 aprile 2014, n. 00891
1. Opere realizzate sine titulo da privati sul demanio dello Stato. Ordine di demolizione. Contestazione della natura demaniale dei suoli. Giurisdizione. Appartiene all'autorità giudiziaria ordinaria. 2. Permesso di costruire. Istruttoria comunale circa l'esistenza, in capo al richiedente, di un idoneo titolo di godimento sull'area. Acquisto per usucapione. Accertamento riservato alla Autorità Giudiziaria Ordinaria
T.A.R. Basilicata, Sez. 1, Sentenza 3 aprile 2014, n. 00236
Dia. Poteri inibitori della amministrazione comunale. Decorso dei termini. Poteri inibitori. Sussistono. Soltanto nelle forme del potere di autotutela
T.A.R. Lazio Latina, Sez. 1, Sentenza 1 aprile 2014, n. 00269
1. Impianti di telefonia mobile non assimilabili alle normali costruzioni edilizie. Opere di urbanizzazione primaria. Compatibilità con qualsiasi destinazione urbanistica. Non necessario l’ordinario permesso di costruire. Titolo abilitativo può essere negato solo in base ad una specifica normativa relativa alle reti infrastrutturali. 2. Infrastrutture di reti pubbliche di comunicazioni. Riparto di competenze tra Stato e Regioni. Potestà regolamentare sussidiaria dei Comuni. Limitatamente agli aspetti urbanistico-edilizi. Divieto di dettare prescrizioni radioprotezionistiche.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 2, Sentenza 1 aprile 2014, n. 00951
1. Volumi tecnici. Irrilevanza sotto il profilo urbanistico. 2. Autorizzazione paesaggistica postuma. Incrementi volumetrici. Ammissibilità quando si tratti di volumi tecnici.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 2, Sentenza 31 marzo 2014, n. 00645
1. Gare pubbliche. Esclusione dei partecipanti. Comunicazione. Omissione. Illegittimità del provvedimento espulsivo. Non sussiste. 2. Procedura di verifica dell’anomalia delle offerte. Sue fasi. Fase di richiesta di ulteriori giustificazioni. Omissione. Illegittimità. 3. Illegittima privazione di impresa concorrente dell'esecuzione dell'appalto. Danni. Risarcimento per equivalente. Indagine sull'elemento soggettivo della responsabilità attizia della PA. Non occorre. 4. (segue): criteri di quantificazione del danno. Lucro cessante. 5. (segue): danno emergente. Il c.d. danno curricolare. 6. (segue): costi sostenuti per la partecipazione alla gara. Non ristorabilità. 7. Liquidazione del danno in sede giurisdizionale. Rivalutazione monetaria e interessi legali. Vanno riconosciuti
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 27 marzo 2014, n. 01478
Potere di soccorso ex art. 46, comma 1°, D.Lgs. n. 163/2006. Limiti
Cons. St., Sez. 4, Sentenza 27 marzo 2014, n. 01479
1. Notifica del ricorso introduttivo a mezzo posta. Data di perfezionamento della notificazione per il notificante. È la data di consegna all'ufficiale giudiziario. 2. Abusi edilizi. Sanzioni ripristinatorie. Domanda di condono. Rigetto. Acquisizione dell'area di sedime. Illegittimità. Formazione di nuovo provvedimento sanzionatorio. Necessità
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 2, Sentenza Breve 25 marzo 2014, n. 00887
1. DIA (ora SCIA). Modulo di liberalizzazione. Provvedimento tacito direttamente impugnabile. Esclusione. Modalità di tutela di terzi. Necessità di sollecitare l'esercizio dei poteri di verifica della P.A. Azione di accertamento in caso di inerzia. Azione di annullamento in caso di provvedimenti espressi. 2. Abbaini muniti di finestra sul tetto dei fabbricati. Realizzazione mediante D.I.A. Esclusione. 3. Giudizi avverso il silenzio. Potere del G.A. di pronunciarsi sulla fondatezza della pretesa. In materia edilizia sussiste ove la discrezionalità amministrativa sia esaurita
T.A.R. Piemonte, Sez. 1, Sentenza 20 marzo 2014, n. 00481
Contratto di global service. Finalità. Assimibilità al contratto di appalto
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 1, Sentenza 19 marzo 2014, n. 01586
1. Servizio di trasporto pubblico a livello locale. Imprese già affidatarie dirette del servizio. Divieto di partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica. Insussistenza. 2. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. Omessa dichiarazione sul possesso dei requisiti. Esclusione dalla gara. Solo se i requisiti insussistenti in concreto. In caso contrario falso innocuo, salva comminatoria espressa da parte della lex specialis della sanzione di esclusione per il caso di omessa dichiarazione
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 3, Sentenza 19 marzo 2014, n. 00805
1. Dichiarazioni da rendere sulla c.d. moralità professionale. Amministratori e direttori tecnici dell'azienda ceduta al concorrente nell'anno antecedente al bando. Sussistenza dell'obbligo per principio ubi commoda eius et incommoda. In caso di dimostrata di discontinuità. Obbligo non sussiste. Concordato preventivo. Presunzione di discontinuità. 2. Istituto della cooptazione ex art. 92, comma 5, d.P.R. n. 207/2010. Ratio. Requisiti di qualificazione delle imprese cooptate. Irrilevanza ai fini della partecipazione alla gara dell'impresa cooptante o del raggruppamento di imprese cooptanti che, con la domanda di partecipazione alla gara, deve assumersi formalmente l’onere di partecipare all’appalto con riferimento alla intera quota dei lavori, la cui esecuzione dovrà integralmente garantire in caso di aggiudicazione del contratto. Necessità che l’impresa o il gruppo cooptante deve comunque possedere tutte le qualificazioni richieste dal bando
Cons. St., Sez. 5, Sentenza 17 marzo 2014, n. 01327
Criterio di aggiudicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Varianti e proposte migliorative. Linea di demarcazione. Discrezionalità della commissione giudicatrice
T.A.R. Sardegna, Sez. 1, Sentenza Breve 15 marzo 2014, n. 00218
1. Gare pubbliche. Dies a quo da cui decorre il termine di 30 giorni per impugnare gli atti relativi alla procedura di gara. Forme di comunicazione esclusive e tassative. Esclusione. Indicazione nella comunicazione degli estremi del provvedimento di aggiudicazione. Necessità. 2. Servizio di somministrazione di alimenti e bevande, tramite distributori automatici. Natura di concessione di servizi. Regole applicabili. Necessità che la nomina dei commissari e la costituzione della commissione avvengano dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 14 marzo 2014, n. 01296
Nullità della clausola della lex specialis di gara escludente a fronte di offerte che si discostino dai limiti tabellari ministeriali del costo del lavoro
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3B, Sentenza 12 marzo 2014, n. 02783
Attività edilizia sine titulo. Accertamento di conformità. Legittimazione a richiedere. Titolare di concessione demaniale marittima. Sussiste
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza Breve 10 marzo 2014, n. 00710
1. Giurisdizione. Sentenze dei giudici di merito declinatorie della giurisdizione. Efficacia al di fuori del processo in cui sono emanate. Esclusione. 2. Giurisdizione in tema di canoni demaniali per attingimento di acqua della Laguna di Venezia. Appartenenza al demanio marittimo e non a quello idrico. Giurisdizione del Giudice Amministrativo e non del Tribunale Superiore delle Acque. 3. Giurisdizione in tema di canoni demaniali marittimi. 4. Attingimento di acque marine. Attività libera. Esclusione. 5. Concessione di beni demaniali marittimi. Necessaria onerosità. 6. Canoni concessori per attingimento di acqua lagunare. Criteri di determinazione. 7. Attingimento dell’acqua della Laguna di Venezia per la produzione di energia elettrica. Applicabilità del canone ricognitorio ex art. 39 cod. nav. Esclusione
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 10 marzo 2014, n. 01076
1. Procedimenti amministrativi avviati a istanza di parte. Omessa comunicazione del responsabile del procedimento. Mera irregolarità. Irrilevanza. 2. Motivazione dell'atto amministrativo ob relationem. Legittimità. 3. Condono edilizio. Legge regionale Toscana n. 53/2004. Necessità di un provvedimento espresso conclusivo del procedimento. Necessità. Formazione del atto di assenso per silentium. Esclusione
T.A.R. Toscana, Sez. 3, Sentenza 26 febbraio 2014, n. 00381
Verifica dei requisiti di partecipazione. Art. 48, comma 2, D.Lgs. 163/2206. Adempimento. Termine. Natura perentoria.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/Sentenza 25 febbraio 2014, n. 00010
Ricorso in sede giurisdizionale. Intervento ad opponendum. Legittimazione dell'interventore a impugnare la decisione di 1° grado. Condizioni. Titolarità di una posizione giuridica autonoma. Necessità.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 24 febbraio 2014, n. 00867
1. Presidente del consiglio comunale. Natura. Organo istituzionale. Revoca. Limiti. Perdita del rapporto fiduciario. Ammissibilità. Non sussiste. Violazione degli obblighi di neutralità e imparzialità. Ammissibilità. Sussiste. 2. (segue): sindacato di legittimità del giudice amministrativo. Limiti. Esame delle figure sintomatiche tipiche dell'eccesso di potere. Verifica della sussistenza e veridicità dei fatti addotti. Verifica della non arbitrarietà della valutazione dei fatti posti a base degli atti di revoca. Irrilevanza di fatti non menzionati nell'atto di revoca.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza 20 febbraio 2014, n. 00528
Insegnanti. Diritto al collocamento in graduatoria. Accertamento. Giurisdizione.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00970
Demanio marittimo portuale. Occupazione abusiva. Sussiste.
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sez. 2, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00164
Annullamento di autorizzazione in sanatoria con decreto della Soprintendenza BB.AA.CC. Legittimità.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00939
Classificazione di strada ad uso pubblico. Giurisdizione del giudice amministrativo. Non sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00943
1. Esame di abilitazione alla professione forense. Attribuzione del punteggio numerico agli elaborati. Legittimità. 2. Assenza di segni di correzione sugli elaborati. Irrilevanza. 3. Eseguità dei tempi correzione degli elaborati. Irrilevanza. 4. Errore materiale nell’attribuzione del punteggio e relativa rettifica. Assenza di concreta utilità per il candidato. Irrilevanza.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00966
Decreto di revoca della patente di guida. Impugnazione. Giurisdizione amministrativa. Non sussiste.
T.A.R. Puglia Lecce, Sez. 1, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00365
Opere abusive pertinenziali all’immobile. Carenza di nulla osta paesistico. Provvedimento di demolizione. Legittimità.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00923
Istanza di sanatoria paesistica per variazioni non percepibili. Rigetto. Illegittimità
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00930
1. Esclusione da un pubblico appalto di progettazione e realizzazione di opere per difformità del progetto presentato rispetto ad un allegato del bando di gara. Legittimità. 2. Comunicazione di avvio del procedimento ex art. 7 l. 241/1990 nelle “procedure concorsuali”. Applicabilità. Non sussiste. 3. Comunicazione dei motivi ostativi ex art. 10 bis l. 241/1990 nelle “procedure concorsuali”. Applicabilità. Non sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00937
1. Abuso edilizio. Epoca di realizzazione. Onere della prova a carico della p.a. Non sussiste. 2. Ordinanza di demolizione. Omessa indicazione dell’esatta area di sedime. Non rileva. 3. Ordinanza di demolizione. Onere a carico della p.a. di verificare la sanabilità delle opere. Non sussiste. 4. Ordinanza di demolizione. Discrezionalità della p.a. Non sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 7, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00940
1. Accertamento di conformità in sanatoria di opere abusive. Principio della “doppia conformità”. Contenuto. Discrezionalità della p.a. Non sussiste. 2. Rapporto tra atto amministrativo presupposto e conseguenziale. Omessa impugnazione dell’atto presupposto.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00957
Concorso di abilitazione per personale docente nella scuola primaria e dell’infanzia. Esclusione per inidoneità del titolo d’accesso consistente nel diploma di maturità linguistica rilasciato da Istituto Magistrale. Illegittimità.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00960
1. Dipendenti pubblici. Modifica della determinazione del trattamento di quiescenza. Giurisdizione esclusiva del giudice contabile. Sussiste. 2. Dipendenti pubblici. Modifica della determinazione del trattamento di fine rapporto. Giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. Sussiste.
T.A.R. Sicilia Palermo, Sez. 3, Sentenza 10 febbraio 2014, n. 00398
Ordinanza sindacabile contingibile ed urgente. Illegittimità per carenza dei presupposti di diritto e di fatto.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00378
1. Discrezionalità della Amministrazione di Pubblica Sicurezza nella gestione del personale. Sussiste. 2. Trasferimento di pubblico dipendente per incompatibilità ambientale. Presupposti e limiti.
T.A.R. Campania Salerno, Sez. 1, Sentenza Breve 10 febbraio 2014, n. 00381
Pubblico impiego. Dispensa dal servizio. Inidoneità. Infermità da causa di servizio. Accertamento da parte dell’organo sanitario. Competenza.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 7 febbraio 2014, n. 00587
Portatori di handicap gravi. Diritto all’assegnazione di personale docente di sostegno anche in deroga al rapporto insegnanti alunni. Sussiste.
T.A.R. Campania Napoli, Sez. 8, Sentenza Breve 7 febbraio 2014, n. 00887
Detenzione di armi. Decreto prefettizio di divieto. Licenza di porto di fucile per uso caccia. Decreto questorile di revoca. Carenza di motivazione. Annullamento.
T.A.R. Piemonte, Sez. 1, Sentenza 7 febbraio 2014, n. 00254
Apposizione di vincolo culturale. Reiterazione. Legittimità.
Cons. St., Sez. 6, Sentenza 7 febbraio 2014, n. 00595
1. Concorso pubblico. Diritto di accesso agli elaborati di tutti i partecipanti. Non sussiste. 2. Uso della posta elettronica nei rapporti tra privati e p.a. Legittimità.
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 3T, Sentenza 4 febbraio 2014, n. 01358
1. Giustizia amministrativa. Ricorsi incrociati escludenti. Prevalenza dell'orientamento comunitario su quello espresso dall'Adunanza Plenaria n. 4/2011. 2. Demanio aeroportuale. Attività di gestione. Concessione traslativa. Poteri del concessionario. Natura pubblicistica. Sub-concessione. Scelta del concessionario. Evidenza pubblica. Necessità. 3. Servizi di assistenza a terra negli aeroporti. Liberalizzazione. Attività commerciale consistente nel posizionamento, all'interno di aeroporto di macchine avvolgi bagagli e vendita di prodotti ed accessori. Attività imprenditoriale e non esplicazione di un servizio pubblico. Affidamento in subconcessione di un bene demaniale. Giurisdizione del GA. Sussiste. 4. Beni pubblici. Demanio aeroportuale. Affidamento in concessione. Pubblico incanto. Necessità. Rinvio alla normativa in tema di appalti pubblici. Ammissibilità. 5. Avvalimento. Finalità dell'istituto. Certificazione di qualità. Ammissibilità. 6. Dichiarazioni sulla c.d. moralità professionale. A carattere omnicomprensivo. Insufficienza. Omissione. Soccorso istruttorio. Esclusione
T.A.R. Veneto, Sez. 1, Sentenza 30 gennaio 2014, n. 00128
1. Abusi edilizi. Provvedimenti repressivi ripristinatori. Motivazione. In re ipsa. Nel caso di rilevante intervallo di tempo tra epoca in cui l'abuso è stato commesso e il momento di adozione della sanzione. Motivazione rafforzata. Solo quando è ampio l'intervallo di tempo tra epoca dell'accertamento dell'abuso e momento di adozione della sanzione repressiva. 2. Comune di Venezia. Regolamento edilizio del 1929. Obbligo di preventiva autorizzazione podestarile per realizzazione di opere edilizie su tutto il territorio comunale. Legittimità. Compatibilità con ius superveniens (legge n. 1150/1942 e legge n. 765/1967). 3. Demanio marittimo. Opere realizzate da privati. Obbligo di preventivo atto di assenso anche per quelle realizzate ante 1967. Sussiste ex art. 55 cod. nav. del 1942. Concessioni lagunari rilasciate dal Magistrato delle Acque. Irrilevanza ai fini edilizi. 4. Potere repressivo di abusi edilizi. Natura ripristinatoria e non sanzionatoria. Tempus regit actum. Principio di irretroattività ex legge n. 689/1981. Inapplicabilità. 5. Demanio pubblico. Abusi edilizi. Ordine di demolizione. Legittimazione passiva. Soggetto nella disponibilità dei beni abusivi. Sussiste. 6. Piano delle risorse lagunari alieutiche della Provincia di Venezia
T.A.R. Veneto, Sez. 2, Sentenza 30 gennaio 2014, n. 00121
1. Giusto procedimento. Osservazioni dei privati. Onere di analitica confutazione da parte della PA. Non sussiste. 2. Demanio marittimo. Fascia di rispetto di 30 mt. Opere realizzabili.
T.A.R. Liguria, Sez. 1, Sentenza 29 gennaio 2014, n. 00166
Sulla giurisdizione del Giudice Amministrativo in tema di controversie relative a ingiunzione di pagamento dell'importo anticipato dall'Amministrazione per la c.d. esecuzione in danno, a seguito dell'inottemperanza di un ordine di demolizione di abuso edilizio
T.A.R. Calabria Catanzaro, Sez. 1, Sentenza 29 gennaio 2014, n. 00206
1. Ordinanze contingibili e urgenti emanate dal Sindaco nelle vesti di ufficiale del Governo. Legittimazione passiva dello Stato. Soltanto se formulata anche domanda risarcitoria. 2. Giurisdizione del GA in tema di ordinanze contingibili e urgenti emanate dal Sindaco a tutela del regolare deflusso delle acque
T.A.R. Lombardia Milano, Sez. 4, Sentenza 29 gennaio 2014, n. 00306
1. Attività edilizia privata. Costruzioni realizzate fuori dai centri abitati ante 1967. Nel caso in cui venga contestata la sottoponibilità a atti di assenso. Onere della prova. Ricade sul privato. 2. Abusi edilizi. Soggetti responsabili: proprietario, responsabile dell'abuso, detentore sine titulo di area demaniale. 3. Repressione di abuso edilizio. Rilevanza del tempo trascorso dal momento di commissione dell'abuso. Onere di motivare sull'interesse pubblico. Non sussiste. Posizioni di affidamento del privato. Onere della prova del periodo di realizzazione del manufatto in modo ragionevolmente certo. Necessità. 4. Comunicazione di avvio del procedimento volto all'adozione di provvedimenti repressivi di abusi edilizi. Non occorre. Rilevanza di elementi fattuali non presi in considerazione dalla PA. Onere della prova. Ricade sul privato. 5. Attività edilizia libera. Recinzioni di terreno se in legno o rete metallica. Estrinsecazione lecita dello "ius excludendi alios" immanente al diritto di proprietà. 6. Container stabilmente connessi al suolo. Titolo edilizio. Necessità
T.A.R. Umbria, Sez. 1, Sentenza 29 gennaio 2014, n. 00066
1. Cittadinanza italiana. Concessione. Carattere ampiamente discrezionale delle determinazioni. 2. Rilevanza di precedenti penali in tema di concessione della cittadinanza penale. Obbligo di motivazione sulla rilevanza del precedente penale e del tempo trascorso. Sussiste. 3. Preavviso di rigetto della domanda di concessione di cittadinanza italiana. Osservazioni dell'interessato. Obbligo di motivazione. Sussiste
T.A.R. Lazio Roma, Sez. 2Q, Sentenza 29 gennaio 2014, n. 01154
1. Contributi e sovvenzioni pubblici. Concessione e revoca. Riparto. Giurisdizione. 2. Contributi pubblici. Attribuzione. Revoca, decadenza e risoluzione. Autotutela privatistica. Giurisdizione. Giudice ordinario. 3. Contributi pubblici. Attribuzione e revoca. Controversie. Giurisdizione esclusiva. Art. 133, lett. b) c.p.a.. Insussistente. Concessione di beni pubblici. Equiparabilità. Esclusa. 4. Esercizio del potere. Mediato o indiretto. Art. 7 c.p.a.. Criterio. Ambito. Giurisdizione esclusiva. Criterio generale di riparto. Escluso. 5. Concentrazione delle tutele. Criterio. Interesse legittimo. Tutela. Omnicomprensiva. 6. Connessione. Domande. Giurisdizione. Inderogabile. Giurisdizione esclusiva. Prevalenza. Limiti.
Cons. St., Sez. P, Decisione Plenaria/Sentenza 29 gennaio 2014, n. 00006